Rubrica — In cucina

Eataly Firenze: a giugno la cucina lombardo piemontese della "Trattoria Masuelli"

Per tutto il mese all'"Osteria di Sopra"


Per la prima volta all’Osteria di Sopra la Trattoria Masuelli e la sua cucina piemontese-milanese, una cena dedicata ai grani antichi per festeggiare il tema del mese, il grano, un tapas time e un Festival dedicato al cibo di strada, #instrada in Via De Martelli e molto altro.

Eataly ospita Massimiliano Masuelli, detto Max. Il suo essere oste e chef è profondamente legato al suo DNA. Nasce da una famiglia storica di ristoratori con una lunga tradizione che affonda le sue radici a inizio secolo: è nel 1921 che ebbe origine la Trattoria Masuelli a Milano.

La sua è una cucina d’affetto scevra da effetti speciali. Ogni suo piatto possiede prepotentemente la sua filosofia: autentica, genuina, schietta e leggera. Ricette della memoria, sempre in movimento per accogliere stimoli e integrarsi con il contemporaneo.
A Eataly presenta quelle ricette immancabili in ogni suoi menu, amate e volute dai suoi ospiti. Il Tonno di coniglio di Cuneo con indivia belga al cartoccio e la Battuta di Fassona piemontese, asparagi e uovo di quaglia in “cereghin”, rivelano la sua matrice piemontese; il Risotto giallo e la Costoletta alla milanese la sua anima lombarda.
Da non perdere il menu degustazione a 30 euro con Battuta di fassona piemontese, Maccheroncini di pasta fresca al torchio, ragù bianco di coniglio di Cuneo, Guancia di vitello stracotta al vino bianco di Milano (Verdea) e cavolo cappuccio brasato, Crema di mascarpone lodigiano con lingue di gatto.
Per l’evento Cibo di Strada Max Masuelli ha creato il “Panino Tonnato” un omaggio al celebre antipasto piemontese. Fette di pane fragranti farcite con rosee fette di magatello al forno. La morbidezza e la freschezza vengono date dalla salsa tonnata mentre la polvere croccante di capperi inietta un tocco sapido. Ogni morso esplode in bocca evolvendosi a un ritmo lento e godurioso. 

Redazione Nove da Firenze