Domenica 7 maggio: tutti i programmi di eventi e attività all'aperto

Nei centri storici esposizioni di piante e fiori, antiquariato e buon cibo


Domenica 7 maggio, nel campo sportivo di Tavarnuzze, il Centro Commerciale Naturale di Tavarnuzze e la Pro Loco Tavarnuzze, con il patrocinio del Comune, organizzano la 13a Esposizione Canina Nazionale CSAA/7° Memorial Giovanni Borghi. Inizio iscrizioni ore 8. Inizio giudizi ore 10.30. Informazioni: Lucilla, 338 8484996. Iscrizioni on line: ccntavarnuzze@libero.it.

A San Polo in Chianti, patria del Giaggiolo dal 1850, esplode la festa dedicata al fiore simbolo della Toscana. Una tradizione in vita da molti anni che torna a inondare di profumi, sapori ed eventi la frazione grevigiana fino a domenica 7 maggio. Un ricco programma di iniziative si apre a ventaglio sui campi color lillà tra le colline del Chianti in quella che nel diciannovesimo secolo è stata la prima terra di produzione del fiore e la più importante a livello europeo. Le radici e le essenze del Giaggiolo hanno avuto svariate applicazioni nel corso degli anni. Profumo, liquore e persino antidolorifico. La radice o “gallozola” del giaggiolo è considerato un rimedio naturale per alleviare il dolore dei piccini durante la fase di dentizione, avendo naturalmente un leggero effetto antidolorifico. Il Comune di Greve in Chianti promuove la festa, organizzata e curata dal Comitato turistico di San Polo, e si affianca ad un gruppo di aziende locali per l'avvio di un nuovo percorso di sviluppo e valorizzazione della pianta.

Il Mercatino del Bello si svolgerà dalle 9 e per l’intera giornata nel Centro Commerciale Naturale di Borgo San Lorenzo in collaborazione con Confesercenti Firenze, Mercato Tenda e con il Patrocinio del Comune. Un evento che avrà tanto da offrire in termini di espositori legati al collezionismo, all’artigianato e ai prodotti enogastronomici, tutto caratterizzato dall’alta qualità.

A Siena torna per il quarto anno consecutivo il trekking lungo il tratto urbano della Via Francigena. Partenza alle ore 9.30 da Porta Camollia per il percorso guidato alla scoperta delle storie e degli aneddoti legati ai pellegrini che facevano tappa a Siena nel viaggio verso Roma. L’itinerario in 10 tappe toccherà San Pietro alla Magione, la casa dei Templari e poi dei Cavalieri di Malta, per poi proseguire lungo Banchi di Sopra fino a Piazza Duomo e arrivare al Santa Maria della Scala. Qui ai partecipanti sarà consegnata la “Bisaccia del Pellegrino” contenente un panino con i salumi toscani e una bibita. Per questa edizione sarà possibile assaggiare la birra artigianale del Santa Maria della Scala e conclude il ristoro con un ricciarello IGP di Siena.Dopo la pausa di gusto, il percorso a piedi di continuerà fino a toccare l’ultima trappa a Porta Romana, una delle porte più antiche della città, che guarda verso le Crete Val d’Arbia e da dove i pellegrini riprendevano la strada verso Roma.

Nel cuore ancora crudo della campagna toscana, l'antico borgo di Terricciola, a metà strada tra Pisa, Livorno, Siena e Firenze, festeggia la fragola e la cultura contadina: torna il Festival della Fragola, giunto alla sua 35° edizione, che quest'anno si arricchisce di nuovi, imperdibili appuntamenti. La tradizione della coltura delle fragole, radicata nella zona dalla seconda metà degli anni '70, è al centro di questa kermesse che è diventata ormai un appuntamento irrinunciabile per gli abitanti della provincia e non solo. Dopo il successo della Notte Fragolosa dello scorso 30 aprile, il “pre-festival” che ha richiamato più di 8.000 visitatori nella Città del Vino delle colline pisane, durante i prossimi weekend Terricciola si animerà nuovamente con un ricco calendario di eventi gratuiti e spettacoli itineranti: dalle cene a base di prodotti tipici toscani alle degustazioni sulla terrazza panoramica del borgo medievale, dalla musica dal vivo ai dj set sotto le stelle. E ancora: un mercatino di antiquariato e di artigianato, mostre, esibizioni e un concorso speciale, I Frutti della Terra rivolto agli alunni della Scuola Media Inferiore A. da Morrona di Terricciola, che si cimenteranno a raccontare il proprio rapporto con questo territorio senza tempo, attraverso la fotografia e la poesia. Durante la manifestazione, il ristorante contadino servirà specialità locali e piatti a base – ovviamente – di fragola, che potranno essere degustati anche presso gli stand del Giardino Comunale, insieme ai “cocktail fragolosi”, marchio di fabbrica dell'evento.

Per gli appassionati di antiquariato e artigianato artistico, come ogni prima domenica del mese, torna a Livorno in piazza Cavour il “Mercato del Passato” che vede la partecipazione di una trentina tra antiquari e artigiani. Orario dei mercatino: dalle 8 alle 20. Sempre domenica, 7 maggio, in orario 9-20 in via Grande si svolgerà il tradizionale Mercato Fiva Confcommercio “Via Grande in Festa”. Circa 90 gli espositori (prevalentemente per la vendita di abbigliamento, oggettistica per la casa e alimentari) che esporranno lungo tutto l’asse della via, da piazza della Repubblica a piazza Colonnella. In piazza XX Settembre , domenica 7 maggio, sarà l’ultimo giorno di apertura di “Piazza XX in Fiore”, la fiera del florovivaismo e delle tecnologie ambientali, per la prima volta a Livorno. Aperta in orario 9-19, la manifestazione propone 30 espositori e 50 spazi espositivi dove si possono acquistare fiori in vaso e recisi, attrezzature da giardino e artigianato. Ultimo giorno anche per il “Mercatino di Primavera” in piazza Attias. Circa 35 gazebo tra artigianato e commerciale: in prevalenza abbigliamento ed oggettistica, ma anche alimentare. Il mercatino è aperto dalle 9-20 e per domenica ha in programma animazioni per bambini e una sfilata di moda/mare curata dai negozi del CCN.

San Vincenzo sarà invasa dai numerosi stand d’assaggio, curati dai ristoranti della zona, pronti per far gustare ai visitatori le numerose specialità a base di Palamita e di Pesce Azzurro. Un'occasione per scoprire nuovi sapori e antiche ricette, accompagnati dalle proposte di vino in collaborazione con la FISAR Costa Etrusca. Tra i punti degustazione presenti troviamo l'Arcipesca: con sardine sulla griglia e acciughe sotto pesto, il ristorante Blue Marlin con la palamita all’extra vergine con cipollotto fresco e cannellini, Brandibirra presenta trionfo di alici su crostone alla salsa verde. Coop ci delizierà con prodotti di pesce azzurro coop su crema di finocchi, Il Gusto Etrusco con palamita scottadito (al bbq) e gnocchetti alla “genovese” di palamita e Il Sale con petali di palamita finger food. E poi la Palamita Tonnè della Perla del Mare, il pane burro e palamita della Tuga, il farro croccante con palamita al profumo di rosmarino di Le Metrò, il tortino di palamita su crema di melanzane del Lupo Cantero e la pizza alla palamita di Mum and Dad. Nettuno, invece presenterà, pesce azzurro in agrodolce, Number One, le lasagnette agli acerti curcuma e melanzane, il Ristorante Paradisino la palamita dell’etrusco, Pesce Piccolo la pasta all’uovo con palamita e…, il Polpo del Nini il polpo lesso ed infine Quartocielo con le alici del pescatore. Non mancherà l'intrattenimento con i cooking show dedicati alla realizzazione di piatti ispirati al tema dell'evento: “LE NOSTRE RADICI, tra cultura, pesce e verdura”. Si inizia alle ore 15.30 con Emanuele Vallini, chef della Taverna la Carabaccia di Bibbona, presentato dal critico enogastronomico Giorgio Dracopulos; alle ore 17, sarà il turno di Luciano Zazzeri, chef del ristorante La Pineta, di Marina di Bibbona, presentato dalla giornalistaEleonora Cozzella, che alle ore 16.30 presenterà il suo libro “Pasta Revolution” con la partecipazione di Maria Antonietta Schiavina. Durante l'ultimo cooking show, ci sarà la speciale animazione di Roberto Giannoni Dj di Radio Stop. Inoltre, lungo tutta la giornata, il percorso di gusto sarà accompagnato con musica, artisti di strada, la performance di street art a cura dell'artista Urto e il mercatino di artigianato di qualità e dimostrazioni dal vivo dedicati al mare e alle radici del territorio.

Redazione Nove da Firenze