Destinazione Toscana: una nuova strategia digitale

Dalla Regione un sito internet rinnovato per una relazione più efficace. 9.000 pagine tra schede, itinerari, proposte di viaggio, eventi ed enogastronomia, in italiano e inglese. Il tutto a disposizione del sistema turistico e dei comuni


FOTOGRAFIE — Firenze, 03 ottobre 2017 - Proposte di viaggio, spunti e approfondimenti tematici, 310 località per quasi 1.700 attrazioni, specialità enogastronomiche e artigianali, eventi e itinerari da scaricare sul proprio smartphone e da percorrere a piedi, in bici, in moto o in auto, a seconda delle stagioni, dei propri interessi o alla posizione geografica, per un totale di ben 9.300 contenuti dedicati alla grande ricchezza culturale e ambientale della Toscana. Visittuscany.com, il nuovo sito di destinazione della Toscana, è un progetto di Regione Toscana, realizzato da Fondazione Sistema Toscana con la collaborazione di Toscana Promozione Turistica e sostituisce www.turismo.intoscana.it. L’intero patrimonio editoriale prodotto in questi anni e le banche dati sono stati integrati da nuovi formati editoriali, modellati sulle esigenze dei visitatori digitali, e dalle "voci della rete": esperienze, impressioni ed emozioni condivise sui social media dai turisti di tutto il mondo. Il risultato è una piattaforma dinamica, in continua evoluzione e aperta al contributo di tutti. Ai visitatori non resta che pianificare la propria vacanza entrando in contatto con le quasi 17.000 strutture ricettive toscane e approfittando delle offerte commerciali degli operatori turistici.

“Visittuscany.com è il frutto del lavoro di tanti, pezzo fondamentale di un grande progetto, che intende estendere l’opportunità economica del turismo a tutti i territori della Toscana al fine di mantenere il suo radicamento della valorizzazione -ha spiegato stamani l’Assessore al Turismo della Regione, Stefano Ciuoffo, a conclusione della presentazione all’Istituto degl’Innocenti. All'evento di lancio hanno partecipato, tra gli altri, il presidente di Fondazione Sistema Toscana Iacopo di Passio, il direttore della stessa Fondazione Paolo Chiappini, Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica, Benedetta Squittieri, Responsabile E-Gov Anci Toscana, Roberta Milano, direttore Marketing Comunicazione e Digitale ENIT e la scrittrice e blogger americana.

"La Toscana è una terra complessa, dove si è sedimentato un grande patrimonio che non abbiamo ancora valorizzato completamente -ha spiegato Stefano Ciuoffo- Narrazione, comunità, paesaggi, cultura, enogastronomia costituiscono il nostro patrimonio di inestimabile valore. Stiamo lavorando alla sua valorizzazione da tempo, grazie alla nuova legge si controllo del territorio, alle agenzie regionali, ai comuni, in un ragionamento complesso a cui tutti concorrono. L’incomunicabilità dei campanili toscani è una storia del passato. Oggi c’è metodo, una sinfonia ben orchestrata, di cui Visittuscany.com è uno strumento con cui investire nello sviluppo di un fenomeno economico in continua crescita negli ultimi anni. Siamo una regione che sperimenterà prima di altri le nuove infrastrutture di comunicazione digitale -ha concluso l’Assessore Ciuoffo- questo passaggio deve essere fatto, ma spesso ho l’impressione che non venga compreso, nel turismo come negli altri settori dell’economia. L’innovazione non è un’opzione, ma una necessità, oltre che l’occasione di accogliere i giovani nelle aziende”

L'ECOSISTEMA DIGITALE

Uno degli aspetti più innovativi di visittuscany.com sarà la sezione MAKE, un back-office digitale che permetterà a tutti gli attori dell'ecosistema digitale turistico di essere coinvolti attivamente. I Comuni, gli enti e le associazioni di promozione turistica o culturale potranno promuovere contenuti ed eventi, mentre le imprese che a vari livelli si occupano di turismo potranno usufruire della sezione Offerte per promuovere i propri pacchetti, tour o itinerari. Infine, ogni struttura ricettiva presente nel database regionale, potrà accedere alla propria scheda aggiungendo descrizioni, fotografie, servizi offerti.

I TRE PILASTRI DI VISITTUSCANY.COM

Sono tre i concetti che hanno guidato la progettazione del nuovo sito: contenuto, esperienza e identità. Attraverso il mood visuale, le scelte fotografiche e video, una specifica identità grafica, visittuscany.com vuole restituire al viaggiatore l’essenza di una terra che esprime ovunque bellezza e armonia, in ogni stagione dell’anno. Un’esperienza di navigazione completamente ripensata, più semplice e intuitiva, accessibile ed immersiva. Il lettore avrà l’occasione di mettersi subito in viaggio ancor prima di partire, lasciandosi ispirare dai tanti capitoli di un racconto a più voci. Pregustare i deliziosi piatti della tradizione, immaginare un percorso slow sulla via Francigena o nella bellezza dei borghi e delle città d’arte più celebrate al mondo. Dal livello più alto del menu principale, passando per i livelli intermedi - rappresentati da Temi, Territori, Paesaggi e Stagioni, fino ad arrivare a quelli di maggior dettaglio, Idee, Itinerari e Proposte di viaggio, ma anche Località, Attrazioni e Prodotti - l’architettura di visittuscany.com è stata pensata per garantire la massima accessibilità delle informazioni, offrendo al tempo stesso al turista contenuti dinamici, georeferenziati e arricchiti dalle impressioni di chi c'è già stato, attraverso i contenuti social.

All’interno del sito non manca poi il richiamo a Toscana Ovunque Bella. Accanto alla scheda di ciascun Comune, infatti, viene suggerita la lettura della storia inedita collegata. Nell’occasione della presentazione di Visittuscany.com è stata letta l’ultima storia pubblicata sul sito www.toscanaovunquebella.it: si tratta del racconto sull’Istituto degli Innocenti che ha per protagonista Agata Smeralda, la prima bimba accolta nella struttura nel lontano 1445. www.toscanaovunquebella.it dal luglio 2016 a settembre 2017 ha registrato 700.000 visite da più di 500.000 utenti unici. Le storie più cliccate nell’ultima settimana sono quelle di: Bagno a Ripoli (FI), Massa Marittima (GR), San Romano in Garfagnana (LU).

Nicola Novelli