Rubrica — Agroalimentare

Dazi Usa: preoccupazione in Toscana

Confagricoltura: una guerra commerciale mette a rischio le nostre esportazioni agroalimentari


Le esportazioni agro-alimentari toscane sul mercato statunitense ammontano a circa 672 milioni di euro (dato 2017) ed interessano una molteplicità di prodotti tra cui le produzioni provenienti da coltivazioni di primaria importanza per l’agricoltura toscana tra cui la vite e l’olivo. Il comparto d’eccellenza teme ora una guerra commerciale scatenata a partire dai dazi su acciaio e alluminio decisi dal presidente Usa Trump e dalle scontate ritorsioni da parte dell’Unione europea.

“Qualità e competitività delle nostre produzioni hanno bisogno di un sistema di mercato aperto – precisa Francesco Miari Fulcis, presidente di Confagricoltura Toscana – Servono regole multilaterali rigorose in termini di sicurezza alimentare, protezione dell’ambiente e tutela sociale. Le guerre commerciali non aiutano nessuno”.

Confagricoltura ha evidenziato che anche le importazioni di prodotti agricoli sono al centro delle indagini avviate dal dipartimento del commercio statunitense, per decidere sull'applicazione di dazi anti-dumping. Secondo i rappresentanti delle industrie californiane, il “dumping” sarebbe determinato in larga misura dagli aiuti della politica agricola comune europea. La decisione finale è attesa nel prossimo mese di aprile.

"Ad essere chiamato direttamente in causa è il modello su cui poggia la Pac – puntualizza il presidente di Confagricoltura - Sono in discussione gli aiuti disaccoppiati che rientrano a tutti gli effetti nella cosiddetta “scatola verde”, regolata dalla normativa dell'Organizzazione mondiale del commercio, riguardante tutti i trasferimenti pubblici al settore agricolo che non distorcono gli scambi commerciali”.

“Le esportazioni agro-alimentari hanno fatto registrare negli ultimi anni significative percentuali di crescita, ma ogni guerra commerciale rallenta la ripresa economica su scala mondiale come già successo in seguito alle restrizioni commerciali tra Unione europea e Federazione Russa in seguito alla crisi ucraina”.

Redazione Nove da Firenze