Danza a Firenze: mercato in crescita, il successo degli accessori

 Alta sartoria Made in Italy, aziende e buyer in arrivo da tutto il mondo a Firenze per Danzainfiera 2017


Il 2017 è l'anno delle 'ballerine' le calzature rese famose al grande pubblico dall'attrice Audrey Hepburn. Dal passato al futuro l'abbigliamento legato al mondo della danza oggi si impone come un trend della moda contemporanea, ma si affaccia nel panorama dell'e-commerce sfidando le collezioni tradizionali presentate e vendute in rete.

Numerose realtà operano attorno alla Danza. Oltre 8.000 mq della Fortezza da Basso saranno dedicati alle aziende, gli espositori avranno la possibilità di incontrare pubblico ed operatori del settore. Oltre cento gli espositori italiani e stranieri: abbigliamento dance e fashion fitness, calzature e costumistica, attrezzature e accessori tecnici, prodotti per fitness, sport e tempo libero, alimentazione e wellness, benessere e cosmesi, editoria, riviste e stampa specializzata, portali e siti internet di settore. Questo l'indotto formato soprattutto dai numerosi artigiani che danno vita al settore Moda.

 "Danzainfiera in questi 12 anni si è accreditata come prima manifestazione nel suo genere in Europa. Buyer e aziende da tutto il mondo la scelgono per presentare le loro collezioni e i prodotti a misura di ballerino" spiegano gli organizzatori che hanno deciso di celebrare e valorizzare le aziende italiane che confezionano costumi per danzatori; stoffa, pelle, pizzi e tulle ricamati a mano chiamati a mettere in risalto il corpo ed il lavoro coreografico.

A Firenze ci saranno aziende italiane, ma anche una nutrita rappresentanza dei brand internazionali con alle spalle una solida tradizione nel mondo della costumistica; new entry di questa edizione l’israeliana Lulli Dance, dalla Cina Octavia, azienda produttrice di tutù e body, dalla Francia, Vicard, Bailarem, Wear Moi, Repetto e Degas, dall’Inghilterra, Freed of London, il celebre marchio inglese con le sue storiche scarpe da punta, dal Giappone, Vida Japan, azienda leader nella produzione di body e abbigliamento; da segnalare anche la linea Aroshirvapresentata da Manicardi, con accessori e preziose applicazioni per costumi
Ed ancora dalla Russia, Grishko Ltde Russian Class, aziende che costruiscono artigianalmente scarpette, costumi e accessori, dal Portogallo, Portdance, azienda leader nel settore delle scarpe da ballo con particolare attenzione alle materie prime, e Susanagateira che porterà in fiera le collezioni pensate per chi ama il fitness, dalla Spagna, i marchi El Rocio, Intermezzo, Davedans, El Petit Ballet che inaugurerà a Danzainfiera la sua nuova collezione Versailles fatta a mano e ispirata al vintage con colori pastello, stoffe in tulle, velluto e pietre preziose. Il brand Menkes presenterà in anteprima la linea di scarpe ispirata al Flamenco, ma da indossare nella vita di tutti i giorni.
Dal Canada, Ainsliewear Design Ltd, marchio leader di abbigliamento per la danza in Nord America e Asia, che arriva nei negozi Europei e on-line. 

Il nuovo modello è rappresentato dallo stile danza pensato e proposto per tutti i giorni. Modelli che per leggerezza ed estensibilità accompagnano i movimenti sia nell'attività sportiva che nella vita quotidiana.

A Firenze sarà presente anche l'azienda francese di scarpette da danza fondata nel 1947 da Rose Repetto, madre del ballerino e coreografo Roland Petit.
Rose inizia a produrre modelli di scarpette da danza nel suo atelier nei pressi dell'Opéra de Paris, per soddisfare le esigenze del figlio che chiede delle scarpe più comode. Successivamente produrrà calzature di uso comune ispirate alle scarpe da danza, come le ballerine che contribuì a rendere popolari realizzando il celebre modello Cendrillon.
Nel 1956 Brigitte Bardot l’attrice francese più popolare dell’epoca, rende celebri le ballerine Cendrillon rosse create appositamente per lei nel film “E Dio creò la donna”. Eccellente ballerina classica, l’attrice aveva espresso a Rose Repetto il suo desiderio di poter indossare anche in città delle ballerine comode come le sue mezze punte. Furono le prime realizzate con la tecnica della “cucitura a rovescio risvoltata”.

 La Maison Repetto oltre alle classiche collezioni danza, propone nel capoluogo toscano una nuova Active Line creata per aiutare e valorizzare lo stile di vita moderno. 

Abbiamo chiesto ad Elena Paini Responsabile Italia Repetto quale sia l'attuale assetto del mercato: "Registriamo un mercato in crescita per quanto concerne la distribuzione dei nostri prodotti attraverso una rete commerciale di alto livello, non a caso siamo inseriti tra i Best Shop italiani".

Quali sono i prodotti che suscitano maggiore apprezzamento? "Al primo posto ci sono le calzature. Ricordo che per i 60 anni nel 2007 è stata creata una linea di ballerine grazie alla collaborazione di numerose special guest che ha poi visto un tour espositivo internazionale da New York a Milano a Singapore. Abbiamo tanti prodotti ed accessori, ma certo le ballerine rappresentano una icona per il brand".

La rete ha fornito un supporto determinante al commercio di un brand internazionale? "Resta molto buono il circuito di vendita tradizionale grazie anche alla completa copertura del territorio italiano, ma certo l'e-commerce ha rappresentato e rappresenta una buona fetta del mercato".

A Firenze sarete circondati da molte aziende che puntano sul settore danza, hanno investito sul prodotto giusto? "Ritengo proprio di sì. Noi abbiamo presentato e stiamo presentando una collezione Active Line che punta a promuovere un abbigliamento ed accessori per tutti i giorni e particolarmente interessanti ed osservate sono le nostre borse in pelle".

Il fenomeno degli Influencer come viene gestito da un grande brand? "Sono i testimonial del futuro. Noi abbiamo internamente all'azienda chi si occupa di osservare e segnalare alcune blogger di alto livello, ma sempre più spesso accade che fashion blogger molto seguite su Instagram ad esempio, facciano richiesta di poter ricevere ed indossare le nostre calzature. Prossimamente proporremo loro anche le nostre borse. Si tratta di una realtà Social che non può trovare indifferente un brand e che consente di far circolare rapidamente immagini dei prodotti più amati".

Redazione Nove da Firenze