Rubrica — Motori

Cresce l’interesse dei toscani per le auto usate

Secondo l'Osservatorio di AutoScout24. Firenze e Arezzo prime province per passaggi di proprietà, ma rispetto alla popolazione Pistoia e Grosseto le più dinamiche. Livorno e Firenze le “più care”


Milano, 16 ottobre 2017 – Il mercato dell’usato delle quattro ruote in Toscana continua a vivere un momento favorevole. Se da un lato nel III Trimestre crescono le vendite (+6,6%) e i prezzi delle vetture offerte sul mercato restano stabili (-0,2%), pur con un importo inferiore alla media nazionale, dall’altro si evidenzia come l’età media delle auto in vendita sia di 7,4 anni, con un quarto che supera i 10 anni, a testimonianza che in questo momento storico la vettura si sostituisce più per necessità. Questo il quadro che emerge dall’Osservatorio di AutoScout24 (www.autoscout24.it) sul mercato delle auto usate in Toscana.

Secondo l’elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, nel III trimetre 2017, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, i passaggi di proprietà in Toscana sono infatti cresciuti del +6,6%, superando i 39mila atti. Un dato che posiziona la regione al 9° posto in Italia, ma se si confrontano i dati con la popolazione residente (oltre i 18 anni), con 125,9 passaggi netti ogni 10.000 abitanti passa al 19° posto.

I passaggi di proprietà aumentano in tutte le province e ai primi posti per numerosità troviamo Firenze (9.118 passaggi), Arezzo (4.115) e Pisa (4.110), seguite da Lucca (4.065), Pistoia (3.683), Livorno(3.446), Siena (3.202), Grosseto (2.815), Prato (2.450) e Massa-Carrara (2.012).

Ma rispetto alla popolazione residente, la situazione è ben diversa: sul podio ci sono Pistoia con 150,6 passaggi ogni 10.000 abitanti, Grosseto (148,1)e Arezzo (142,4). Seguono nell’ordine Siena (142), Lucca (123,6), Livorno (120,6), Massa Carrara (119,9), Prato (117,4), Pisa (116,7) e, fanalino di coda, Firenze (107,6).

Ma cosa accade sul fronte dei prezzi delle auto in offerta sul mercato in Toscana? Sempre nel periodo agosto – settembre, rispetto al trimestre precedente, si rileva una sostanziale stabilità (-0,2%), con un prezzo medio di vendita che si attesta a circa11.200 €. Un dato inferiore alla media nazionale, pari a 12.270 €.

Per acquistare una vettura sul mercato toscano, tra le province “più care” troviamo ai primi posti Livorno,con un prezzo medio di 12.620€, e Firenze con 12.410€. Seguono Lucca con 11.955€ , Prato con 11.110€, Arezzo con 11.035€, Pistoia con 10.850€, Siena con 10.290€ e Pisa con 10.000€. Più “economiche” Grosseto (9.960 €) e Massa-Carrara (9.045 €).

Qual è l’offerta nella regione? Nel III trimestre l’età media delle vetture proposte è di circa 7,4 anni e un quarto delle auto offerte supera i 10 anni. Questo è un segno evidente che sono tanti gli italiani che pianificano la sostituzione della propria vettura per necessità più che per “sfizio” e voglia di cambiare. Sul fronte dei modelli offerti, vince su tutti la comodità: oltre 4 vetture su dieci (41%) è infatti costituita da berline, mentre il 23% da Station Wagon.

Cosa accadrà nei prossimi mesi del 2017?

“Questi ultimi mesi sono stati molto positivi per il mercato delle auto usate, che ha registrato incrementi significativi in molte regioni italiane – afferma Tommaso Menegazzo, Responsabile del Centro Studi di AutoScout24 - Anche dall’analisi dei nostri dati emerge la vivacità del settore, con una domanda e un’offerta che restano su livelli molto alti. E questo è un indicatore importante che ci fa guardare con ottimismo alla chiusura dell’anno, ma molto dipenderà dalla fiducia riacquistata dalle famiglie sul fronte dei consumi e della propensione a spendere.”

Redazione Nove da Firenze