Rubrica — Fiorentina

Continua il ciclo difficile in casa

Fiorentina 1 - Sampdoria 1. Reti al 37′ di Bernardeschi e al 12′ del secondo tempo di Muriel


Chi pensava ad una sequenza di vittorie è rimasto deluso, dopo avere visto la Sampdoria uscire imbattuta da Firenze. Al “Franchi” i ragazzi di Giampaolo hanno tirato fuori una prova ordinata e pungente, riuscendo a trafiggere sulla lunga distanza una squadra viola fiaccata dal giovedì di coppa. Il merito dell’1-1 è di una gran giocata di Muriel, conservato da Puggioni almeno in un paio di occasioni. E per la Fiorentina la classifica continua ad essere deludente.

Un minuto spaccato e Muriel va vicino al bersaglio grosso, su punizione conquistata dal compagno di reparto Quagliarella, che ci prova in rovesciata al 3′, su cross dalla destra di Sala. La reazione gigliata non si fa attendere: al 5′ un tentativo dalla distanza di Rodríguez, mentre Bernardeschi cinque minuti più tardi tenta l’acrobazia, ma il pallone finisce tra i guanti di Puggioni. La Fiorentina pressa alta, il Doria prova a ripartire: Fernandes viene steso da dietro da Milic, Rizzoli fischia risparmiandogli il giallo. Lo stesso Milic centra al 18′ per Kalinic, la cui girata non trova lo specchio. Nemmeno il mancino di Muriel al minuto 21 riesce a cogliere nel segno. Puggioni in disimpegno s’infortuna leggermente. Fernandes spaventa Tatarusanu da fuori (33′) mentre Kalinic trova la schiena di Regini a negargli il probabile vantaggio (36′). Vantaggio che si materializza quando Bernardeschi la butta dentro sugli sviluppi di un angolo dalla destra, Astori si avventa ma non la tocca. Puggioni è comunque battuto. Così andiamo all’intervallo.

Al rientro Giampaolo propone Praet e non Linetty. E subito Quagliarella impegna Tatarusanu con un destro dal limite. Al 12′ Fernandes apre per Regini, traversone per lo stacco di Muriel, che anticipa Rodríguez e batte Tatarusanu: 1-1. Sousa richiama Tello e inserisce Chiesa. Ma sono i blucerchiati a crederci più: al 22′ Fernandes trova Tatarusanu. Ancora il portoghese spreca tentennando un contropiede orchestrato da Muriel in maniera superba. A metà tempo Pereira rileva Sala, mentre Sánchez sostituisce all’appena ammonito Badelj. I viola sfiorano il 2-1, quando una palla deviata da Kalinic costringe Puggioni all’autentico miracolo. Poco dopo Rodríguez spreca un’ottima opportunità, seppur da posizione dubbia. Budimir al 44′ centra l’esterno della rete. In pieno recupero Puggioni salva ancora, stavolta su Astori. All’ultimo respiro però è Praet a far tremare il “Franchi”: Tatarusanu neutralizza.

FIORENTINA: Tatarusanu, Rodriguez, Badelj, Kalinic, Bernardeschi, Astori, Tello, B. Valero, Milic, Tomovic, Ilicic. A disp. Lezzerini, Dragowski, De Maio, Sanchez, Zarate, Vecino, Olivera, Saucedo, Cristoforo, Chiesa, Babacar. All. Sousa

SAMPDORIA: Puggioni, Barreto, Muriel, Fernandes, Linetty, Regini, Sala, Silvestre, Quagliarella, Torreira, Skriniar. A disp. Krapikas, Tozzo, Dodo, Eramo, Alvarez, Pereira, Schlick, Krajnc, Praet, Cigarini, Duricic, Budimir. All. Giampaolo

Fiorentina-Sampdoria, Puggioni: «Punto importante per classifica e morale»
Fiorentina-Sampdoria, Muriel: «Gol insolito e bellissimo»

Redazione Nove da Firenze