Conferenza programmatica Pd Toscana: proposte fino al 2020

Quasi 1.000 persone a “Immagina Toscana”, l’evento svoltosi alle Officine Garibaldi a Pisa tra venerdì e sabato. Nel Valdarno fiorentino e nel Mugello i comitati "Liberi e Uguali"


“Una forza di governo che non solo discute e si confronta sui problemi ma propone le soluzioni per risolverli. Questo è ciò che ha dimostrato di essere il Pd in questi due giorni. Nel 2015 abbiamo ottenuto il migliore risultato alle elezioni regionali in Toscana, con questa conferenza programmatica è venuta fuori la capacità e la competenza della classe dirigente che abbiamo saputo creare. Tantissime le proposte importanti avanzate in questi giorni, ne sottolineo solo alcune, l'idea di uno sconto molto forte e di esenzioni Irap alle imprese che da fuori si localizzano in Toscana, soprattutto per aree di crisi o con caratteristiche che in particolare diano diritto al beneficio. Mi piace anche l’idea di togliere Imu e Tari alle imprese che allargano la base produttiva e che portano nuova occupazione, compensando a livello regionale le mancate entrati ai comuni. Un’altra proposta che va nella direzione giusta da portare avanti con forza è quella dell’agenzia regionale di sostegno allo sviluppo per superare e riunificare i tanti bracci operativi attuali in modo da essere più concretamente in campo per favorire la crescita. Sulla sanità c’è bisogno di proposte che ci facciano fare passi avanti sulle questioni che stanno più a cuore ai cittadini, in questo senso importante è l’idea della visita urgente entro 72 ore, ovunque in Toscana e prenotabile dal medico. In generale c’è bisogno di un salto di qualità nelle politiche del lavoro, della formazione, perché per risolvere il disagio sociale c’è bisogno di creare occupazione. È quello che vogliamo fare da qui al 2020, è quello che ci proponiamo per la Toscana del futuro perché una forza come il Pd deve saper disegnare un orizzonte ampio per la nostra regione” Così Dario Parrini, segretario Pd Toscana, chiudendo “ImmaginaToscana”, la conferenza programmatica regionale, svoltasi a Pisa alle Officine Garibaldi, a cui hanno partecipato circa un migliaio di persone.

Sgravi fiscali alle piccole e medie imprese neoinsediate, ad esempio esenzione Irap nei primi tre anni, un’unica Agenzia regionale di sviluppo per favorire l’accesso al credito, un rapporto più semplice e diretto tra Regione e autonomie locali per una programmazione coordinata e sinergica, una spinta per portare a termine le Grandi opere che la Toscana attende da anni. Sono solo alcuni degli obiettivi emersi dai gruppi di lavoro che si sono confrontati in questi mesi e che hanno portato il risultato di questo percorso a “Immagina Toscana”, la conferenza programmatica regionale del Pd Toscana.

Il Partito democratico di Empoli ha organizzato per lunedì 18 dicembre alle 21.30 presso il circolo Arci di Pozzale a Empoli un incontro sulla legge di bilancio a cui parteciperà l’onorevole Dario Parrini. Il deputato spiegherà i punti cardine della manovra: il Rei 2018(reddito di inclusione sociale); gli incentivi per le assunzioni dei giovani; l’impresa 4.0, sostegno alle piccole e medie imprese e l’Ape (anticipo pensionistico sociale e volontaria. A moderare l’incontro sarà Riccardo Sgherri, membro della segreteria Pd Empoli.

A due settimane dall’assemblea costituente di Roma “Una nuova proposta” che ha dato il via alla formazione unitaria della sinistra “Liberi e Uguali”, anche nel Valdarno fiorentino nasce il comitato a sostegno del progetto guidato da Pietro Grasso, promosso da Articolo Uno Mdp, Sinistra Italiana e Possibile. A seguito di una riunione tenutasi a Incisa Valdarno, alla quale hanno preso parte i referenti territoriali di Articolo Uno Mdp, Sinistra Italiana e Possibile, i militanti, gli eletti e gli attivisti del territorio, ha preso forma il comitato Liberi e Uguali del Valdarno fiorentino. Sarà uno spazio aperto alla partecipazione di tutti i militanti delle forze di sinistra che sentono la necessità di un percorso unitario, alla società civile, al mondo dell’associazionismo e del sindacato. Attraverso il comitato verranno organizzare iniziative pubbliche per approfondire temi come il lavoro, la sanità, i trasporti, l’ambiente, i diritti; temi che saranno al centro del programma con il quale “Liberi e Uguali” si presenterà alle prossime elezioni politiche.

“La nascita del comitato Liberi e Uguali nel Valdarno fiorentino ci riempie di soddisfazione – dichiara Serena Spinelli, coordinatrice di Articolo Uno Mdp area metropolitana fiorentina, Serena Pillozzi, coordinatrice Sinistra Italiana area fiorentina e Possibile – In questo territorio da mesi lavoriamo per realizzare un percorso unitario, per una sinistra aperta e plurale che sappia coinvolgere i cittadini e gli attivisti e tutti coloro che intendono partecipare e contribuire. E’ un progetto ambizioso che ora siamo chiamati a rafforzare e a radicare in tutti i territori, e che dovrà essere in grado di raccogliere le istanze locali, i bisogni quotidiani delle persone, le buone pratiche messe in atto. Da qui Liberi e Uguali dovrà partire per costruire un programma elettorale in grado di rispondere alle aspettative e soprattutto ai tanti problemi del Paese. Siamo convinti che anche dal Valdarno fiorentino daremo un contributo importante per allargare la partecipazione democratica e riempirla di istanze del territorio e proposte programmatiche”.

Prende vita anche nel Mugello il primo comitato a sostegno di “Liberi e Uguali”, la formazione guidata da Pietro Grasso che si presenterà alle elezioni politiche di primavera. Un progetto a cui aderiscono esponenti della società civile, militanti ed eletti di Articolo Uno Mdp, Sinistra Italiana e Possibile, e aperto a tutti coloro che fin da subito vorranno portare un contributo alla costruzione del programma della nuova lista unitaria della sinistra. “Liberi e Uguali” nasce con la prospettiva di radicarsi in tutto il Paese, mettendo al centro la partecipazione e i bisogni espressione e peculiarità dei territori. La necessità di un piano per il lavoro, l’urgenza di salvaguardare le produzioni locali, e ancora, questioni legate alla sanità e ai trasporti pubblici, alla tutela dell’ambiente, all’accoglienza, ai diritti, alla parità di genere. Questi i temi attorno ai quali saranno organizzati incontri e iniziative pubbliche promosse dai Comitati “Liberi e Uguali” che a seguito dell’Assemblea costituente del 3 dicembre scorso, si stanno organizzando nella provincia di Firenze e in tutta la Toscana. I referenti del coordinamento di "Liberi e Uguali" per il Mugello sono Stefano Berni, Alessandro Bolognesi, Carlo Casati, Stefano Celli, Mauro Dugheri e Luciano Petti. Anche il Mugello porta così un primo contributo alla costruzione di questa formazione unitaria; un progetto che in questi mesi ha generato una grande partecipazione. L’obiettivo è quello di creare uno spazio aperto e plurale, capace di raccogliere i bisogni delle persone e di formulare risposte in grado di migliorare la vita delle persone. Un progetto ambizioso che auspica condivisione e sostegno da parte di tutte le comunità in cui i Comitati metteranno le proprie radici.

A Marradi nasce il coordinamento di Articolo Uno Mdp a cui aderiscono il vicesindaco Rudi Frassineti e il gruppo che insieme a lui faceva riferimento a Sinistra Ecologia e Libertà, che in questi anni ha rappresentato, con spirito unitario, la sinistra all’interno dell’amministrazione comunale e della comunità marradese. Il coordinamento, che si inserisce nel più ampio percorso a sostegno della formazione unitaria “Liberi e Uguali, avrà come obiettivo quello di essere forza aggregatrice e di riferimento per tutte le anime della sinistra presenti a Marradi. Sarà aperto alla partecipazione della società civile, del modo dell’associazionismo, del sindacato e di tutti coloro che vorranno portare un contributo alla nuova formazione.

“Aderiamo con entusiasmo e convinzione a questo progetto politico- sostiene Rudi Frassineti- quello che era il nostro auspicio sta finalmente prendendo forma attorno all’autorevole figura di Pietro Grasso: una sinistra coesa, forte, moderna, finalmente attrattiva e con un chiaro programma di governo. Una sinistra che a livello locale vuole continuare il percorso unitario fin qui efficacemente intrapreso a sostegno dell’attuale amministrazione comunale, ma che, al contempo, chiede e propone un cambiamento netto delle politiche a livello nazionale”.

Redazione Nove da Firenze