Civ 2016, tutti i vincitori del Campionato

Al Mugello Circuit si aggiudicano i titoli italiani Matteo Baiocco nel SBK, Massimo Roccoli in Supersport, Manuel Pagliani in Moto3, Guzzon in Moto3 Standard e Giannini in Premoto3 125 2T


Tre giorni di gare avvincenti al Mugello per il gran finale del Campionato italiano di Velocità 2016, con la giornata di sabato rovinata dalla pioggia che ha costretto a ridurre tutte le gare. Da segnalare la presenza al Mugello anche del 6 volte campione del mondo Max Biaggi.

Il primo ad aggiudicarsi il titolo italiano (172 p.) fin dalla giornata di sabato è stato nel Supersport, Massimo Roccoli su MV Agusta Laguna Motoracing grazie al 2° posto ottenuto sabato nel nono round. Con questa vittoria il pilota raggiunge quota cinque titoli in carriera e il secondo consecutivo dopo quello dell'anno scorso. In gara due podio per Michael Canducci (Team Green Speed Kawasaki) che ha imposto il proprio ritmo sull'iridato Massimo Roccoli e Ilario Dionisi (MV Agusta Ellan Vannin) a chiudere il podio. Per il titolo italiano Civ 2016 seconda piazza per Stefano Cruciani (Kawasaki Puccetti Racing Team) a 131 p. (5° oggi in gara) e Marco Bussolotti 3° a 125 punti. Tra i costruttori primo posto per la Kawasaki con 210 p.unti, MV Agusta a 207 punti e terza Yamaha con 111 punti.

In Superbike la vittoria del secondo round, dopo una caduta del primo, è andata a un superlativo Michele Pirro (Ducati Barni Racing) che si è aggiudicato anche il giro più veloce con 1'51.697 e che in gara oggi ha lasciato diversi secondi indietro il secondo classificato, ma il titolo italiano CIV SBK 2016, il terzo in carriera, è andato a Matteo Baiocco su Ducati Motocorsa Racing con gomme Pirelli, terzo in gara 2, mentre al secondo posto si è piazzato Denni Schiavoni (DMR Racing BMW). Posti di rincalzo per Kevin Calia (Aprilia Nuova M2 Racing), Lorenzo Lanzi (TMF BMW) che era stato vittorioso in gara 1 sabato, e sesto Matteo Ferrari (DMR Racing BMW). Secondo classificato nel campionato iridato Kevin Calia (121 p) e Matteo Ferrari 3° a 115 p.

In classifica costruttori vittoria del titolo Superbike per Ducati con 200 punti, seguito da BMW con 169 e Yamaha 159 punti.

In Moto3 il titolo italiano è andato a Manuel Pagliani su MTR GEO Honda (140 punti) grazie al 2° posto in gara 2 dietro a un Kevin Zannoni (3° nel campionato italiano con 129 p.) in formissima su Mahindra Peugeot Minimoto Portomaggiore partito in pole, terza piazza per Nicholas Spinelli MF84 Pluston Althea (131 p.) risultato grazie al quale chiude il campionato italiano al secondo posto. Il neo campione italiano raggiunge così il suo secondo titolo italiano, il primo era stato nel 2014. Tra i costruttori vittoria del titolo per la KTM con Mahindra seguita da Peugeot e TM.

Nessun colpo di scena nella Moto3 standard gara e titolo vanno a Guzzon con 180 punti seguito da Zanotti con 167 oggi fuori, e Raimondi terzo nel campionato italiano con 142 punti e secondo sulla pista del Mugello.

In Premoto 3 125 2T titolo di Campione italiano 2016 a a Gabriele Giannini con 189 punti, secondo Raffaele Fusco (RMU Racing Team) con 179 punti e terzo Matteo Ripamonti con 103 punti. Per la classifica costruttori gradino più alto per Honda con 230 punti, seguita da RMU con 216 e Metrakit.

Nella Sport 4T vittoria di misura in gara 2 di Paolo Giacomini su Yamaha Terra e Moto sul fiorentino Lorenzo Segoni (Honda E&E Racing Team) dopo una bella battaglia che ha reso l'intera gara avvincente e vittoria sul filo di lana. Terza piazza per Manuel Bastianelli (Kawasaki GP Project). Dietro Arduini, Nicola Di Rago, Castano Illan, Grassia, Luigi Montella e Malone. Proprio grazie al 6° posto di gara 2 Pedro Castano Illan (Yamaha AG Motorsport Italia) si è aggiudicato il titolo tricolore CIV Sport4T 2016, secondo Lorenzo Segoni e terzo Luigi Montella. Tra le case prima Yamaha, poi Kawasaki e Honda.

Anche Alessio Velini in National Trophy 1000 Superbike si è laureato campione italiano con un giorno di anticipo, in gara uno, conquistando la vittoria di giornata e titolo davanti ad Alessio Terziani con il quale aveva lottato per tutta la gara.

Sabato pomeriggio si era svolto nel circuito del Mugellino l'attesissimo Mosquito's Way Grand Tour organizzato dal cantante Piero Pelù e Giovanni Di Pillo per ciclomotori a pedali costruiti prima del 1990. I fortunati partecipanti hanno effettuato anche un giro nella pista grande.

Grande partecipazione di pubblico anche per la pit walk ai box di domenica dalle 13 con possibilità anche di partecipare ad un emozionante giro di pista a bordo di autobus a due piani. Gran finale domenica sera – purtroppo con pioggia tornata a rovinare la festa - con tutte le premiazioni dei Campionati italiani di velocità e del Campionato Italiano MiniGP al terzo piano della palazzina dei box.

Foto di Marco Savino

Stefania Guernieri