Cinema Fulgor, l'insegna se ne va: cittadini preoccupati

Secondo i residenti del quadrilatero ad alta tensione che da Santa Maria Novella arriva al Prato, sarebbe un gran brutto segnale


Le manovre che questa mattina sono state effettuate davanti agli occhi dei residenti di via Maso Finiguerra, via Palazzuolo e Borgo Ognissanti, hanno creato forte preoccupazione "Se il Cinema chiudesse, mancherebbe un ulteriore presidio".
Tra minimarket, discoteche e varie attività commerciali presenti in zona, il Cinema Fulgor non sembra essere mai entrato con toni negativi nei commenti dei residenti.

Durante l'estate il Comitato Palomar ha suonato un campanello di allarme ipotizzando la chiusura della Multisala rionale a seguito di una dismissione degli arredi interni. Una preoccupazione che non pare essere formalmente rientrata e continua a tenere in stand-by i cittadini che solo poche ore fa si sono trovati davanti all'ennesima rissa in pieno giorno sfociata nell'arrivo delle volanti chiamate per sedare un tentativo di aggressione in corso ad un esercente storico della zona.

Voler trattenere il passato è spesso una utopia e soprattutto al tempo dei Social non trova tutti concordi, per una vecchia attività che scompare, come potrebbe essere un Cinema, è infatti pronto il commento di chi esclama "Ma ci siete mai stati?".

In questo caso però l'effetto è amplificato dal tessuto sociale prima ancora che economico, la presenza di una attività esemplare, frequentata e vissuta in maniera regolare, equivale ad un controllo maggiore del territorio.

Redazione Nove da Firenze