Rubrica — Spettacolo

Cinema: Eugene Onegin in diretta dal Metropolitan di New York

Mercoledì 26 aprile ore 19.30, l’adattamento di Tchaikovsky del romanzo di Pushkin, messo in scena nella versione di Deborah Warner, diretto dal Maestro Robin Ticciati e interpretato dalla soprano Anna Netrebko


Mercoledì 26 aprile alle 19.30 al cinema Adriano di Firenze e nelle multisale del Circuito UCI Cinemas prosegue la stagione 2016-2017 del Metropolitan Opera House (MET) di New York, distribuita in HD al cinema da QMI/Stardust. Il prossimo appuntamento sarà con Onegin, l’adattamento firmato da Tchaikovsky dell'intramontabile romanzo in versi di Pushkin. Le multisale UCI che proietteranno ONEGIN e gli altri appuntamenti del MET sono: UCI Arezzo e UCI Firenze. Il prezzo del biglietto è di 15 euro per l’intero e di 12 euro per il ridotto e 10€ per i convenzionati. È possibile acquistare i biglietti presso le casse delle multisale aderenti, tramite App gratuita di UCI Cinemas per dispositivi Apple, Android e Windows Phone e sul sito www.ucicinemas.it.

La storia di Evgenij Onegin, che scopre di amare Tatiana solo quando non può più averla, sarà messa in scena nella versione della pluripremiata regista inglese Deborah Warner, con la direzione del Maestro Robin Ticciati. Nel cast, la celebre soprano russa Anna Netrebko nel ruolo della protagonista e il baritono svedese Peter Mattei in quello del suo pretendente, rivale e poi assassino dell’amico Lenski, interpretato dal tenore Alexey Dolgov.

Il sipario si alza sulla residenza di campagna in cui la vedova Larina vive con le figlie: Olga e Tatiana. Le tre conducono un’esistenza tranquilla, fino a quando il giovane Lenski, pretendente di Olga, non fa loro visita insieme a un amico: Onegin. Tatiana se ne innamora subito, venendo tuttavia respinta con sufficienza. I due uomini si trovano di colpo coinvolti in un duello l’uno contro l’altro a causa dell’atteggiamento eccessivamente spavaldo di Onegin, che finirà per uccidere l’amico e intraprendere un lungo viaggio per riprendersi dall’accaduto. Al ritorno rincontrerà Tatiana, scoprendosene innamorato, ma a questo punto sarà lui a essere respinto dalla ragazza, orgogliosa e ormai sposata. Il ruolo di Tatiana valorizza la completezza artistica di Anna Netrebko, combinando la maturità vocale con una splendida prova d’attrice. Sul palco, la ragazza timida, affascinata dal bel vicino di casa, si trasforma in una donna appassionata con il cuore spezzato, e infine in un’eroina fiera che respinge l’uomo che ama ricordando il modo in cui lui l’ha umiliata in passato, e come ha distrutto la storia d’amore della sorella. Il suo canto è ora sommesso e sottile, ora corposo ed emozionante, raggiungendo momenti di esplosiva emozione affiancati a pianissimo mozzafiato.

Redazione Nove da Firenze