Chiude la Passerella dell’Isolotto, demolizione e ricostruzione a ottobre

 La vecchia struttura sarà demolita e sostituita con una nuova in acciaio simile all'originale


Entrano nel vivo i lavori di rifacimento della Passerella dell’Isolotto. Lunedì è prevista la chiusura al transito pedonale e ciclabile del collegamento tra le due rive dell’Arno.
Si tratta della seconda fase dei lavori di rifacimento che vedranno la demolizione della vecchia campata e la sostituzione con la nuova struttura.
L’intervento è già iniziato a maggio, senza però ripercussioni sugli utenti, e ha consistito in alcuni lavori propedeutici in sede e soprattutto nella realizzazione della struttura metallica presso un’officina specializzata.

Da lunedì prenderà il via smontaggio della vecchia campata. A seguire si procederà al montaggio della nuova passerella che poggerà sulle basi di quella attuale, opportunamente rinforzate e che grazie ai materiali utilizzati sarà più leggera. Sarà sempre solo per pedoni e ciclisti e, grazie ad uno studio ad hoc, garantirà la piena accessibilità ai disabili. È prevista infatti una sistemazione urbana con passaggi adeguati per i portatori di handicap ma non il transito per i motorini. 

In concreto il progetto, per il quale è stato stanziato poco più di un milione di euro, prevede la riqualificazione strutturale della passerella pedonale che è già stato oggetto, nell’estate 2015, di lavori d’urgenza per la messa in sicurezza dell’opera. Quindi il ripristino delle mensole in cemento armato e la sostituzione della campata centrale attuale in cemento armato con una più leggera in acciaio e calcestruzzo. Per quanto riguarda il primo punto, sarà effettuato un rinforzo della soletta superiore e il ripristino di tutte le superfici. Il cuore dell’intervento però è la sostituzione della campata centrale.
La nuova campata, delle stesse dimensioni, ma più leggera perché realizzata in acciaio e rivestita in pannelli di calcestruzzo, opportunamente verniciati in modo da avere un aspetto simile a quello dell’attuale passerella.
Verrà mantenuta la soletta in calcestruzzo ma la struttura sottostante sarà costituita da travi in acciaio che riprodurranno esattamente le pendenze delle superfici esterne della struttura attuale.

Per ridurre i tempi della chiusura della passerella la campata metallica sarà assemblata per buona parte fuori opera e poi varata provvisoriamente in appoggio alle mensole a una quota superiore rispetto al piano di calpestio finale. In questo modo verrà utilizzata per sostenere la vecchia campata nel corso delle operazioni di taglio in parti e smontaggio.
Ultimata la demolizione della vecchia campata si procederà al posizionamento alla quota corretta della nuova struttura e al getto della soletta. Poi seguiranno le rifiniture. Nell’occasione saranno ottimizzati gli impianti di smaltimento dell’acqua piovana e di illuminazione. Termine previsto inizio ottobre. 

Redazione Nove da Firenze