Céline, lavorare con il marchio francese che produce in Toscana

Una platea di una ventina fra aziende e centri di ricerca, appositamente selezionati da Céline


Céline, il marchio francese leader nel settore della pelletteria con oltre centoventi negozi nel mondo, si è presentata nel corso di un Partnering Day, promosso dalla Regione Toscana attraverso il suo ufficio Invest in Tuscany, insieme al Distretto tecnologico della moda. Obiettivo della giornata di lavoro, rilanciare un confronto fra sistema delle imprese presenti sul territorio e una realtà importante come Céline, dal quale potranno scaturire possibili collaborazioni, sinergie e spunti tali da rafforzare ulteriormente la presenza del gruppo sul territorio.

L'incontro, svoltosi in Sala Pegaso, a Palazzo Strozzi Sacrati sede della presidenza della Regione a Firenze, si è articolato in una sessione plenaria, di presentazione del gruppo, davanti ad una platea di una ventina fra aziende e centri di ricerca, appositamente selezionati da Céline, seguita da una sessione "b2b", con incontri individuali fra l'azienda del lusso francese e le imprese interessate.

Si sono tenuti tavoli tecnici specifici su quattro ambiti di collaborazione per l'innovazione di processo: riduzione rumore macchine di lavorazione e insonorizzazione delle aree di produzione, spettacolarizzazione, controllo di gestione e di avanzamento della produzione, industria 4.0 e metodi e strategie per rendere i sistemi informativi aziendali non allineati con le norme vigenti.

Questa iniziativa rientra nell'ambito del Protocollo d'Intesa siglato lo scorso luglio tra Regione Toscana e Céline, proprio in occasione dell'inaugurazione dello stabilimento temporaneo di Radda in Chianti, primo passo del brand francese per raddoppiare la sua presenza produttiva in Toscana (Céline ha infatti uno stabilimento produttivo a Strada in Chianti dove impiega 250 addetti e sta costruendo un secondo stabilimento produttivo a Radda in Chianti dove, entro il 2019, sono previsti 250 nuovi assunti).

I Partnering Day rientrano a pieno titolo nei servizi di assistenza che la Regione, con Invest in Tuscany, offre a tutte le aziende multinazionali insediate in Toscana per favorirne l'ulteriore radicamento.

Redazione Nove da Firenze