Cascine, Fortezza, Campo di Marte: la prossima settimana il triangolo della morte... del traffico

Da lunedì Pitti Immagine, i Play Off della Lega Pro di calcio e concerto dei Radiohead. Strozzatura del traffico per l'allestimento di Pitti e parco cittadino chiuso dalle 9 di mercoledì. Ecco i lavori che prenderanno il via sulle strade cittadine. Forza Italia: "Una città paralizzata per colpa di scelte improvvisate"


La prossima settimana Firenze ospiterà alcune manifestazioni destinate ad avere ripercussioni sulla circolazione cittadina. Si tratta di Pitti Immagine Uomo alla Fortezza da Basso, degli incontri dei Play Off della Lega pro di calcio in programma allo stadio Franchi e del concerto dei Radiohead al Parco delle Cascine, il primo appuntamento di un ricco programma di eventi ospiti al Visarno. Per consentire lo svolgimento delle manifestazioni gli uffici della Mobilità di concerto con Polizia Municipale e Cosp hanno predisposto una serie di provvedimenti. “Raccomandiamo ai cittadini di porre attenzione alle modifiche e alla segnaletica - dichiara l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti -. E come già per i Mondiali di Ciclismo di utilizzare i mezzi pubblici e la mobilità alternativa, iniziando dalle biciclette”.

Montaggio alla Fortezza
Ai provvedimenti propedeutici, già in vigore, lunedì 12 giugno si aggiungeranno quelli relativi all’allestimento della mostra. In piazzale Montelungo all’interno del parcheggio lato Fortezza l’accesso e la sosta saranno consentiti solo ai mezzi interessati alla manifestazione. In viale Strozzi lato piazzale Montelungo (dal sottopasso Belfiore al sottopasso Fratelli Rosselli lungo il bastione della ferrovia) saranno revocate le fermate bus e istituito un divieto di sosta con rimozione. Un tratto di circa 100 metri dall’intersezione Caduti di Nassirya sarà riservato alla sosta dei bus del trasporto pubblico urbano ed extraurbano. Sul restante tratto consentito l’arresto ai mezzi interessati alla manifestazione nelle due corsie lato ferrovia. Le fermate dei mezzi del trasporto pubblico delle linee nazionali e internazionale saranno spostate in via Detti, sul lato adiacente a viale Nenni, dove quindi è previsto un divieto di sosta con deroga per questi mezzi. E ancora i mezzi che percorrono viale Strozzi nella direttrice compresa fra viale Fratelli Rosselli e il sottopasso di piazza Bambine e Bambini di Belsan. Inoltre dalle 6 alle 20 (e comunque fino al termine delle operazioni di allestimento) via Caduti di Nassirya sarà chiusa: deroga per i mezzi interessati all’allestimento/disallestimento che potranno anche parcheggiare nella corsia di destra della carreggiata, per i mezzi di soccorso, i mezzi di trasposto pubblico urbano ed extraurbano, i taxi e gli Ncc. Sempre lunedì, ma dalle 8 alle 20 (e comunque fino al termine delle operazioni di allestimento) sarà chiuso anche viale Strozzi lato piazzale Montelungo dal sottopasso piazzale Belfiore al sottopasso Fratelli Rosselli: il transito sarà consentito solo ai mezzi di soccorso e polizia, ai veicoli interessati alla manifestazione, ai mezzi del trasporto pubblico urbano ed extraurbano, ai taxi e agli Ncc.
I giorni di mostra di Pitti Uomo
Gli eventi di Pitti Uomo iniziano martedì 13 e andranno avanti fino venerdì 16 giugno. In occasione dei giorni della mostra sono stati predisposti alcuni provvedimenti specifici. In piazza Bambine e Bambini di Beslan sarà riservata al servizio navette con corsia di uscita a senso verso via Dionisi. Viale Strozzi, o meglio il controviale da piazzale Montelungo a Porta Santa Maria Novella, sarà riservata alla sosta dei mezzi dei disabili mentre il lato del prato della Fortezza scatterà il divieto di sosta. E ancora via Faenza, nel tratto da piazza Madonna degli Aldobrandini a via Nazionale, sarà revocata l’area pedonale di tipo B e il transito sarà consentito al trasporto pubblico. Divieti di sosta anche in via Dionisi sul lato del Palazzo dei Congressi, da viale Strozzi verso piazza del Crocifisso (sosta consentita ai mezzi Ncc); in viale Guidoni sul lato San Donato nel controviale (sosta consentita alle navette); in tratti di via Mannelli con deroga per le navette e i mezzi Ncc.
Le operazioni di smontaggio
Il giorno più critico per la viabilità sarà venerdì 16 giugno quando sono in programma le operazioni di disallestimento degli stand. Prima di tutto piazzale Montelungo accesso e sosta saranno riservati ai soli mezzi interessati alla manifestazione. In viale Strozzi lato piazzale Montelungo (al sottopasso Belfiore al sottopasso Fratelli Rosselli lungo il bastione ferroviario) saranno replicati i provvedimenti già previsti il 12 giugno in occasione dello smontaggio: quindi la revoca delle fermate bus e l’istituzione di un divieto di sosta con rimozione. Confermato il tratto di 100 metri, dall’intersezione Caduti di Nassirya, per la sosta dei bus del trasporto pubblico urbano ed extraurbano mentre il restante tratto verrà riservato all’arresto dei mezzi interessati alla manifestazione nelle due corsie lato ferrovia. Si replica anche il provvedimento in via Detti, sul lato adiacente a viale Nenni, per lo spostamento delle fermate dei mezzi del trasporto pubblico delle linee nazionali e internazionale. I mezzi dello smontaggio utilizzeranno la rampa Spadolini, nel tratto viale Strozzi e Ponte degli Alpini, attualmente interessata dai cantieri della tramvia ma che sarà messa a disposizione dei mezzi in attesa di entrare alla Fortezza per le operazioni di disallestimento. Per lo stesso motivo sarà chiusa via Lorenzo Il Magnifico, tra via Leone X e viale Strozzi. Prevista inoltre ripetizione del divieto di transito in via Caduti di Nassirya dalle 6 alle 22 (e comunque fino al termine delle operazioni di disallestimento): deroga per i mezzi interessati all’allestimento/disallestimento che potranno anche parcheggiare nella corsia di destra della carreggiata. Via libera anche ai mezzi di soccorso, ai mezzi di trasposto pubblico urbano ed extraurbano, ai taxi e agli Ncc.
Infine previsto anche il bis del divieto di transito in viale Strozzi sul lato di piazzale Montelungo (dal sottopasso Belfiore al sottopasso Fratelli Rosselli): dalle 15 alle 22 potranno circolare solo i mezzi di soccorso e polizia, veicoli interessati alla manifestazione, i mezzi del trasporto pubblico urbano ed extraurbano, i taxi e gli Ncc. Sabato 17 giugno i veicoli provenienti da viale Strozzi, nella direttrice compresa tra viale Fratelli Rosselli e il sottopasso di Bambine e Bambini di Beslan, dovranno proseguire a diritto (eccetto autorizzati).
CONCERTO DEI RADIOHEAD ALLE CASCINE
Mercoledì 14 giugno al Visarno è in programma il concerto dei Radiohead. I primi provvedimenti scatteranno martedì 13 giugno: si tratta dei divieti di sosta e transito sul piazzale delle Cascine (lato adiacente via della Tinaia) con deroga per i mezzi interessati all’allestimento/disallestimento. La maggior parte dei provvedimenti saranno istituiti il giorno successivo e culmineranno con la chiusura del Parco (dalle 9). In dettaglio mercoledì 14 giugno dalle 6 sarà istituito un divieto di sosta in via delle Cascine (dal lato della Manifattura Tabacchi) per le fermate del trasporto pubblico. E ancora divieti di sosta in via del Fosso Macinante, via del Visarno (da via del Fosso Macinante a piazzale Jefferson), piazzale Jefferson, viale degli Olmi, via del Visarno (tra via delle Cascine e piazzale Jefferson escluso il tratto compreso tra via Fosso Macinante e piazzale Jefferson) con deroga per i mezzi autorizzati. In piazzale Vittorio Veneto saranno allestiti il parcheggio riservato ai bus dei fans club (tra via degli Olmi, via del Fosso Macinante e viale Fratelli Rosselli) e a ciclomotori e motocicli (nell’area compresa tra lungarno Vespucci, viale Fratelli Rosselli fino all’altezza di Corso Italia). Piazzale delle Cascine (dal lato vasca su tutto il fronte compreso tra viale del Quercione e viale della Tinaria) sarà riservato invece al parcheggio per i mezzi dei disabili.
Dalle 9 (fino alle 2 del giorno successivo) scatteranno invece i divieti di transito in via del Fosso Macinante, via del Visarno (tra via del Fosso Macinante e piazzale Jefferson), piazzale Jefferson, viale degli Olmi (tra piazzale Jefferson a piazzale delle Cascine), via delle Cascine (tra via Paisiello e piazzale delle Cascine) con deroga per i mezzi dei disabili e gli autorizzati, via del Barco (tra via Vespucci e viale Pegaso) con deroga per frontisti, via del Visarno (tra via delle Cascine e piazzale Jefferson escluso il tratto tra via del Fosso Macinante e piazzale Jefferson) con deroga per autorizzati. Previsti parcheggi dedicati a chi deve raggiungere le Pavoniere e le altre strutture del Parco in viale Lincoln da piazzale Vittorio Veneto.
PLAY OFF LEGA PRO
Tra gli eventi in programma la prossima settimana spiccano anche le semifinali dei Play Off Lega Pro di calcio. Gli incontri si svolgeranno allo stadio Franchi il 13 e 14 giugno. Ai consueti provvedimenti previsti per le partite, si aggiungeranno ulteriori divieti di sosta dalle 15 di martedì 13 alle 2 di giovedì 15 giugno in viale Fanti (tra via Volturno e via Calatafimi), via Volturno, via Pastrengo, viale Calatafimi (eccetto bus Ataf). Inoltre per la ricollocazione degli ambulanti di viale Nervi sarà istituito un divieto di sosta in viale Fanti (tra largo Gennarelli e viale dei Mille, lato stadio Ridolfi).
Previsti inoltre divieti di sosta dalle 15 di martedì 13 alle 2 di giovedì 15 giugno per parcheggi straordinari dei mezzi dei tifosi provenienti dall’uscita autostradale Firenze Impruneta in viale dei Tanini, per quelli invece che utilizzeranno l’uscita Firenze Sud in via Generale dalla Chiesa (lato Arno tra via Orlando e la vecchia via Aretina) e via Palazzeschi (lato destro tra via della Torre e via del Gignoro). Ai bus della tifoseria sarà riservata l’area del parcheggio della stazione di Rovezzano in via della Chimera.

Nuovo asfalto in via Sestese, viale Guidoni e via Magrini. E ancora il risanamento della carreggiata in piazza del Carmine, in vista dell'avvio della riqualificazione complessiva. Ma anche lavori di sostituzione delle vecchie tubazioni della rete di distribuzione del gas in via Bolognese. Sono solo alcuni degli interventi che prenderanno il via la prossima settimana sulle strade cittadine.
Per quanto riguarda le asfaltature, si inizia lunedì 12 giugno con i lavori in viale Guidoni. Nei tratti via Barsanti-viale Forlanini e via Forlanini-via Pigafetta sono previsti restringimenti di carreggiata per fasi. Termine previsto 23 giugno. Sempre lunedì inizierà l'asfaltatura in via Magrini con restringimenti di carreggiata a tratti fino al 23 giugno. Saranno invece effettuati di notte i lavori di asfaltatura in via Sestese dalla rotatoria al distributore Q8. Da lunedì 12 giugno in orario 21-6 previsti restringimento di carreggiata e revoca della corsia preferenziale. Inoltre dalle 1 alle 5 sarà chiusa la rotatoria in direzione Firenze. Lunedì 12 giugno prenderà il via anche il risanamento della carraggiata in piazza del Carmine in vista dell'avvio della riqualificazione complessiva. Fino al 16 giugno saranno in vigore divieti di sosta e transito nel tratto da Borgo Stella a piazza Piattellina e in corrispondenza dell'incrocio con quest'ultima piazza. Divieti di sosta e transito anche in piazza Piattellina. I veicoli proveienti da piazza del Carmine e diretti in via dell'Orto dovranno usare l'itinerario alternativo Borgo San Frediano-via dei Serragli-via della Chiesa-via del Leone.

"Firenze è diventata inaccessibile: ai ritardi sull'ammodernamento delle infrastrutture strategiche come l'aeroporto si è aggiunta una programmazione dei cantieri della tramvia che sta creando enormi problemi al traffico, e come ciliegina sulla torta arriva adesso anche la blindatura del centro storico per tutti i fine settimana". Così i consiglieri di Forza Italia di Palazzo Vecchio Jacopo Cellai, Mario Razzanelli, Mario Tenerani e Luca Tani commentano la situazione della mobilità fiorentina. "La città continua a essere in balia di scelte improvvisate sulla viabilità da parte di un'amministrazione che procede per tentativi ignorando le reali esigenze dei residenti e del tessuto produttivo della città - continuano i consiglieri d'opposizione -. E' inconcepibile che una città come Firenze resti paralizzata continuamente, salvo poi dare la colpa alle grandi fiere programmate da tempo: è successo con la Fiera dell'Artigianato e siamo certi ricapiterà a breve con Pitti. La decisione di aprire in contemporanea i cantieri delle linea 2 e 3 della tramvia sta mettendo in ginocchio sia il trasporto pubblico che il traffico privato. La recente apertura dei sottopassi di Milton Strozzi e Strozzi-Strozzi non sembrano aver fluidificato la circolazione che continua ad andare in tilt. Tra qualche giorno è prevista anche la chiusura del sottopasso Talenti, un sottopasso ufficialmente fatto a regola d'arte ma che è già la terza volta in 3 anni che deve essere messo in sicurezza e chiusa per lavori sarà anche la passerella pedonale che collega il Parco delle Cascine all'Isolotto. E mentre vanno avanti (piano) i cantieri delle linee 2 e 3, nulla è previsto per risolvere il collegamento della linea 1 con l'ospedale di Torregalli, vero scandalo di quel progetto, che preferì servire la Coop di Ponte a Greve, così come la linea 2 servirà quella di via Forlanini e la 3 quella di piazza Leopoldo. L'Ataf intanto ha annunciato il prossimo sciopero e l'amministrazione comunale di Firenze in un clima del genere non trova niente di meglio da fare che imporre la chiusura totale del centro storico per tutti i fine settimana estivi. E' inutile appellarsi ai regolamenti Unesco se poi si varano misure che trasformano questa città in una Disneyland non più a misura di cittadino che per entrare nel centro storico della propria città deve possedere permessi sempre più esclusivi e speciali. Per non parlare del danno arrecato alle attività commerciali che a questo punto diventeranno irragiungibili. E non si provi a rivendere l'idea che siamo davanti a una contrapposizione tra residenti (secondo loro a favore) e commercianti (contrari). Le firme che stiamo raccogliendo contro la ztl no stop dimostrano chiaramente che anche i residenti del centro, quelli che non possono ricevere la visita di un parente, che non possono permettersi di farsi venire a prendere in auto, magari perché anziani, sono nettamente contrari all'idea di chiudere l'ingresso alle proprie case per tutti i fine settimana dell'estate". "Ma non c'è solo il tema della mobilità, per quanto sia quello oggi più grave e stringente per i cittadini; è l'intera partita delle infrastrutture che Nardella e il PD si avviano a perdere da qui alla fine del mandato – sottolineano Cellai, Razzanelli, Tenerani e Tani –. Mentre l'aeroporto è bloccato al "Via" dal Ministero, cosa fa il Comune per spingere sulla realizzazione della nuova pista? Silenzio. E il nuovo stadio? Ad oggi si conoscono solo ipotesi, sia sulla realizzazione della struttura, sia sul futuro di Mercafir che – forse – sarà trasferita a Castello. Il tutto mentre una realtà come l'Olimpia Calcio rischia di cessare la sua attività di scuola calcio. E su questa vicenda occorre fare chiarezza, perché non può finire così". "Quanto ancora deve durare questa situazione? - concludono gli esponenti di Forza Italia - Di certo ben oltre il 14 febbraio 2018, data prevista per la consegna della tramvia ma che è chiaro, data la situazione odierna dei cantieri, non sarà rispettata. E, infine, c'è spazio anche per un'ultima perla: il previsto parcheggio all'aeroporto di Peretola a servizio della linea 2, non sarà pronto quando la linea (teoricamente) entrerà in funzione. Un altro capolavoro di programmazione delle giunte a guida PD".

Redazione Nove da Firenze