Rubrica — Agroalimentare

Cantine Aperte in Vendemmia il 17 e 18 settembre

Oltre venti aziende organizzano in Toscana iniziative per far vivere a tutti il rito della vendemmia. Nell'occasione il Movimento Turismo del Vino raccoglierà fondi per i terremotati “MTV per Amatrice”


Il 17 e 18 settembre sarà possibile partecipare al rito della vendemmia grazie al Movimento Turismo del Vino Toscana che organizza Cantine Aperte in Vendemmia, evento che permetterà a tutti gli appassionati di vino di entrare nelle aziende vitivinicole della Toscana in uno dei momenti più suggestivi dell’anno. Dal Brunello al Vino Nobile passando per il Chianti Classico, sono oltre venti le aziende che hanno aderito all’iniziativa proponendo programmi che metteranno al centro dell’attenzione l’enoturista, dai grandi ai più piccoli, con tante iniziative che avranno come obiettivo quello di far conoscere la complessità, ma al contempo l’atmosfera di uno dei momenti più importanti nella realizzazione di un vino. 

"Un momento unico per tutti gli amanti di questo prodotto per vivere in prima persona la vendemmia sotto varie sfaccettature – spiega il presidente di MTV Toscana, Violante Gardini – una iniziativa che rimarca l’importanza di coinvolgere il turista nel mondo del vino, vero traino negli ultimi anni".

“MTV per Amatrice”. Una festa vera e propria che MTV Toscana ha voluto realizzare per permettere alle migliaia di enoturisti che si troveranno in questo fine settimana in Toscana di assaporare il fascino di questa disciplina. Una festa che varrà anche un aiuto per le popolazioni colpite dal sisma di Marche e Lazio con il progetto “MTV per Amatrice”, la raccolta fondi che parte proprio con Cantine Aperte in Vendemmia per terminare a maggio 2017 con il tradizionale appuntamento di Cantine Aperte. In tutti i prossimi eventi promossi da MTV Toscana infatti una parte del ricavato delle visite, delle degustazioni e delle vendite dirette di vino, sarà devoluto in favore del Comune di Amatrice.

I programmi.

Arezzo. A Civitella in Valdichiana, l’azienda agricola Camperchi propone la visita alla Vigna, Degustazione Mosti, Degustazione Vino, Degustazione Aceto Balsamico di Modena. Il tutto accompagnato da prodotti tipici.

Firenze. Podere dell’Uliveto, a San Casciano Val di Pesa farà assaggiare i vini da vasca, degustazione dei mosti, poi una passeggiata in vigna e assaggio uve ancora da cogliere ed eventuali attività in cantina come i rimestaggi. A Vinci invece la Tenuta Bacco a Petroio propone visite guidate in cantina e degustazione dei vini con la possibilità di effettuare menu degustazioni (pranzo e/o cena) nel punto ristoro. Nel Chianti Classico le Cantine Guidi (Tenuta Lo Spadaio) di Barberino Val d’Elsa offrono, oltre alla visita di vigneti e cantina in vendemmia, aperitivi in vigneto al tramonto accompagnati da musica dal vivo.

Grosseto. La Fattoria Acquaviva di Manciano apre le porte dell’azienda con visita ai vigneti alla cantina con degustazione del mosto e di 2 vini con stuzzichini, mentre Vini Montauto su prenotazione spiegheranno la vendemmia a tutti i partecipanti, con degustazione di vino. A Civitella Paganico la Tenuta L’Impostino ha pensato anche ai più piccoli facendoli partecipare alla vendemmia e alla pigiatura con i piedi. Per i più grandi invece degustazione dei mosti a vari livelli di fermentazione.

Pisa. A Palaia Usiglian del Vescovo propone visite in cantina, vigna, degustazione dei mosti, vini nuovi, assaggio della tradizionale schiacciata con l'uva. Nelle date dell’1 e 2 ottobre invece a Montopoli in Val d’Arno Varramista organizza una degustazione vini/mosti da vasca, degustazione vini da botte del 2015, degustazione annata 2009 Varramista. A San Miniato Agrisole propone una passeggia tra i vigneti alla scoperta delle origini agroalimentari toscane.Un weekend educativo all'aria aperta, un tuffo all'interno delle tradizioni culinarie della nostra regione. Non c'è momento migliore per visitare un vigneto prossimo alla raccolta.

Siena. A Montalcino Col d’Orcia comincia dal venerdì con un tour privato alla scoperta delle cantine assistendo alle operazioni di vinificazione tra cui l'accurata selezione dei grappoli sul tavolo di cernita. La Fattoria dei Barbi organizza una visita alle cantine di invecchiamento alla fine di un bel trekking in vigna durante la vendemmia con degustazione finale. Suggestive le attività promosse dal Museo del Brunello dove l’esperienza della vendemmia offrirà la possibilità di sperimentare aromi unici, di mischiare il profumo della vite tagliata per raccogliere i grappoli, all’assaggio degli acini di Sangiovese grosso che devono ancora fermentare, con quella acidità di frutta ancora in via di maturazione, che raccogli solo per fare il vino. Villa le Prata invece racconterà ai visitatori la vendemmia dal vigneto (in fuoristrada) alla cantina con assaggio di mostri, vini in vasca.

A Montepulciano le Cantine Dei aprono le porte ai turisti con tour e degustazioni in cantina. La Vecchia Cantina invece propone visite guidate di vigneti in vendemmia e cantina con la spiegazione delle varie fasi di vinificazione dalla vite alla cantina. Per chi volesse girare per vigneti in Vespa, l’agenzia Vintage Tour promuove per tutto il mese di settembre dei tour ad hoc. Nel Chianti Classico senese, a Castellina in Chianti, Rocca delle Macìe nella sola giornata di domenica porta a conoscere la maturazione ottimale del Sangiovese, una passeggiata nei vigneti con i tecnici, visita alla cantina e degustazione delle Gran Selezioni.

Cantine Aperte. E’ il marchio enoturistico che dal 1993 ha cambiato l’approccio dei turisti nei confronti delle aziende vitivinicole. Nata come manifestazione per l’ultima domenica di maggio, da qualche anno il Movimento Turismo del Vino ha reso Cantine Aperte un evento diffuso anche in Vendemmia, poi a San Martino e infine a Natale. Una manifestazione che è una filosofia, uno stile di viaggio e di scoperta dei territori del vino italiano, che vede, di anno in anno, sempre più turisti, curiosi ed enoappassionati avvicinarsi alle cantine, desiderosi di fare un’esperienza diversa dal comune. Cantine Aperte è un marchio di proprietà del Movimento Turismo del Vino, registrato e protetto giuridicamente per contrastarne qualunque abuso/imitazione e garantire ai consumatori qualità e professionalità nell’accoglienza, tratti distintivi delle cantine MTV.

L'Associazione Movimento Turismo del Vino Toscana è un ente non profit che raccoglie oltre 80 fra le più prestigiose cantine del territorio,, selezionate sulla base di specifici requisiti, primo fra tutti quello della qualità dell'accoglienza enoturistica. Obiettivo dell’associazione è promuovere la cultura del vino attraverso le visite nei luoghi di produzione.

Per scoprire le aziende aderenti a Cantine Aperte in Vendemmia e i relativi programmi con numeri e riferimenti per prenotare la propria visita, è attiva la pagina dedicata all’evento sul sito ufficiale www.mtvtoscana.com.  

Redazione Nove da Firenze