Cantieri Tramvia a Santa Maria Novella: Fiume in piena, alla Stazione

Palazzo Vecchio invita a lasciare l'auto fuori dal centro storico, ma il sistema collassa. Interrotti i lavori per riaprire la rotonda. Vertice urgente sul da farsi


Modifiche di rilievo per i cantieri della Linea 3 in piazza della Stazione e della Linea 2 in viale Belfiore, Palazzo Vecchio ha parlato nelle scorse ore di "importanti ripercussioni sulla circolazione della zona".

A mezzogiorno il sistema collassa. “Abbiamo immediatamente convocato l’impresa per apportare alcune modifiche già nei prossimi giorni e nel frattempo è stata riaperta la rotatoria” dichiara l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti in merito alle criticità in zona stazione.

“Dopo i sopralluoghi effettuati stamani sia dai tecnici sia direttamente da me abbiano convocato le ditte e le aziende del trasporto pubblico per individuare e mettere in pratica alcuni correttivi. Dopo pranzo riaperta provvisoriamente la rotatoria in modo da dar modo alle imprese di realizzare questi piccoli adeguamenti (in primis la riduzione delle aree di cantiere in alcune zone) per migliorare la viabilità. Abbiamo parlato anche con le aziende del trasporto pubblico per ridurre i transiti non essenziali, soprattutto per quanto riguarda l’extraurbano e le linee autorizzate per scaricare il nodo stazione. Domani la Città Metropolitana ha già convocato una riunione su questo tema” l’assessore Giorgetti assicura che i lavori vanno comunque avanti e che nei prossimi giorni, dopo questi ed eventualmente ulteriori aggiustamenti che saranno decisi, la rotatoria sarà nuovamente chiusa per consentire la realizzazione della sede tranviaria.

"Questa mattina sono stato alla Stazione per verificare di persona lo stato attuale della viabilità. La situazione è apparsa già subito critica, in particolar modo in via Fiume.. era ovvio, non poteva essere diversamente" commenta sui Social Massimo Milli vicesegretario Faisa Cisal.
A metà mattinata Milli aggiunge: "Non è assolutamente più gestibile la situazione di Piazza Stazione a tal punto che, intorno all'ora di pranzo, il Comune di Firenze ha dovuto cedere riaprendo il varco della rotonda ai mezzi privati. È letteralmente impensabile avvicinarsi alle feste natalizie senza immaginare una riduzione dei transiti dalla Stazione dei mezzi privati e di alcune linee urbane ed extraurbane"

Siamo stati alcune ore sul posto monitorando il filtro creato all'altezza di Largo Alinari dove i mezzi venivano instradati su via Fiume e piazza Adua.
Auto e furgoni hanno indugiato sull'intersezione chiedendo informazioni ai vigili. Gli scooteristi hanno aggirato l'ostacolo ma restando poi bloccati all'altezza della rotonda chiusa.
Intenso il traffico da piazza dell'Unità d'Italia, provenienza San Lorenzo - Cappelle Medicee e via Cerretani.
A lamentarsi molti pedoni che hanno attraversato l'area cercando un varco dove possibile, senza utilizzare il sottopasso ritenendolo inutile a raggiungere i luoghi di destinazione.

 Per realizzare i binari e gli scambi nell’area della rotonda della piazza era stato interrotto il flusso rotatorio, in particolare quello dei veicoli in arrivo da Nazionale-Alinari che non possono più raggiungere direttamente le scalette e via Santa Caterina da Siena.
L'avviso dell'assessore Giorgetti la sera prima: “Il nuovo assetto della circolazione elimina i blocchi del traffico intorno alla rotatoria ma potranno verificarsi criticità in piazza Adua che diventa lo snodo della nuova viabilità” in piazza un presidio fisso della Polizia Municipale che intensificherà la presenza nella zona della stazione.

“Siamo arrivati al rush finale delle opere civili delle due linee – ha detto l’assessore alla mobilità –. L’ampliamento del cantiere nella zona della stazione rappresenta una ulteriore criticità in una zona che presenta numerose difficoltà di circolazione, non tutte imputabili ai lavori della Tramvia ma che questi ultimi hanno sicuramente acutizzato riducendo lo spazio a disposizione dei veicoli. Come Amministrazione comunale abbiamo lavorato e lavoriamo per tutelare in primis il trasporto pubblico. Per questo invito gli automobilisti che non hanno la necessità stringente di arrivare alla stazione di utilizzare i mezzi pubblici, soprattutto la Tramvia, e di lasciare l’auto nei parcheggi di struttura che si trovano ai confini della ztl come quello del Parterre o della Leopolda, collegati al centro dal bus e dal tram”.

Un appello che diventa pressante in vista delle domeniche dello shopping natalizio: “Già in passato, senza i lavori della tramvia, nei giorni festivi di dicembre si verificavano rallentamenti se non veri e propri blocchi in zona stazione e non solo. Adesso con i cantieri il rischio code diventa ancora più forte” ha concluso Giorgetti che adesso dovrà affrontare un nuovo vertice urgente sul da farsi.  

Linea 3

Si amplia il cantiere in corrispondenza della rotatoria di piazza Stazione per realizzare i binari e gli scambi. Interrotto il flusso in uscita da via Nazionale e diretto verso le scalette della Stazione e via Santa Caterina con la chiusura della rotatoria.
Gli autorizzati in arrivo dal centro storico (via Cerretani) diretti in piazza Stazione-via Santa Caterina da Siena (tra cui alcune linee Ataf) dovranno obbligatoriamente proseguire a diritto fino a piazza Adua passando sulla corsia lato edifici di piazza Stazione per poi svoltare a sinistra utilizzando la corsia lato Palazzina Reale e transitare lungo l’ex pensilina per tornare verso la piazza lato scalette e quindi dirigersi in via Santa Caterina da Siena.
Gli autorizzati, tra cui le linee Ataf, che arrivano da via Nazionale in uscita dall’area della stazione una volta giunti in largo Alinari dovranno invece svoltare a destra percorrendo piazza della Stazione lato edifici e proseguire a diritto verso via Valfonda. Chi proviene sempre da via Nazionale ed è diretto verso piazza Stazione scalette e via Santa Caterina da Siena dovrà utilizzare il percorso via Fiume-Piazza Adua e poi transitare lungo l’ex pensilina per poi raggiungere via Santa Caterina da Siena. I veicoli provenienti dal parcheggio del Mercato Centrale dovranno utilizzare l’itinerario via Fiume-piazza Adua e da qui dirigersi verso in via Valfonda. Gli autorizzati potranno proseguire lungo l’ex pensilina per raggiungere piazza Stazione lato scalette e quindi via Santa Caterina da Siena.
Resta garantito l’accesso al kiss&ride per i mezzi non autorizzati Ztl da piazza Indipendenza attraverso il percorso via della Fortezza-via del Pratello-via Faenza-via Cennini-piazza Adua con uscita sempre da piazza Adua-via Valfonda.

Tutte le informazioni sulle deviazioni delle linee Ataf sono disponibili sul sito www.ataf.net

Linea 2

Da stasera a partire dalle 21 modifiche del cantiere in viale Belfiore. Si tratta della quarta fase dei lavori che prevedono la realizzazione dei binari nel tratto dalla curva che entra in via Guido Monaco a Palazzo Mazzoni
. I lavori si concentrano quindi nella parte centrale del viale da via delle Ghiacciaie a poco prima del semaforo dopo via Guido Monaco. Restano quattro corsie sui due lati del cantiere: due lato area ex Fiat per i veicoli provenienti da viale Redi-via Benedetto Marcello e diretti verso Porta a Prato; due lato centro per i veicoli in arrivo dal sottopasso e diretti sempre verso Porta a Prato. Le corsie torneranno adiacenti poco prima del semaforo sul viale Belfiore.
“Rispetto alla situazione attuale con il nuovo assetto dei cantieri la circolazione dovrebbe risultare più fluida – spiega l’assessore Giorgetti – perché viene eliminato un semaforo e le corsie da tre diventano quattro”.

Redazione Nove da Firenze