Rubrica — Spettacolo

Teatro di Cestello, campagna abbonamenti stagione 2016/2017

​Da giovedì 1 settembre sono tornati ad accendersi i riflettori sul Teatro di Cestello, con la riapertura della biglietteria e l’avvio della campagna abbonamenti per la stagione di prosa 2016/2017.


Mentre sabato 3 settembre alle ore 21 si è alzato il sipario sul primo appuntamento del Festival Capriccio Italiano, un ciclo di concerti classici che proseguirà fino a giovedì 22 settembre. Tornando al cartellone le formule degli abbonamenti proposti sono due, un tagliando da 14 titoli, a posto e turno fiso, a 140 euro, e un coupon jolly con 6 spettacoli a scelta da 66 euro. Molti i nomi e le produzioni illustri in arrivo, dai principali palcoscenici nazionali, oltre alle produzione della Compagnia Stabile del Cestello, a comporre un programma che fa della sala dell’Oltrarno la casa della commedia e del teatro brillante di qualità a Firenze. A ottobre sarà Giorgia Trasselli, tra le più apprezzate interpreti del teatro italiano, accanto a Enzo Casertano a inaugurare l’abbonamento con la bellissima commedia “Finchè vita non ci separati” di Gianni Clementi. Altri protagonisti di spicco sono Roberto Ciufoli, a gennaio col suo cavallo di battaglia “Tipi”, Matteo Vacca con Maurizio di Carmine e Francesca Milani nella prima riduzione per la scena del celebre film di Alberto Sordi “Amore mio aiutarmi”, la spumeggiante Paola Tiziana Cruciani autrice e protagonista della commedia “Alti e bassi” e ancora la coppia formata da Francesca Nunzi e Marco Simeoli nella novità “Roma Napoli, un’ora di treno per mille racconti”. Fiore all’occhiello l’arrivo del musical off vincitore dell’Oscar del teatro per le migliori musiche originali “Processo a pinocchio” di Andrea Palotto, con due star del calibro di Cristian Ruiz e Luca Giacomelli Ferrarini e ancora la commedia musicale campione di incassi e di repliche “That’s amore” di Marco Cavallaro. Quindi le raffinate note di Donatella Alamprese e il teatro di narrazione di Elisabetta salvatori. Tra i titoli proposti dalla Compagnia Stabile del Cestello “La zia di Carlo” per fine anno e la commedia dell’arte “La villana di Lamporecchio”. Per sottoscrivere l’abbonamento la biglietteria è aperta dal giovedì al sabato dalle ore 17 alle 19,30, ma è possibile anche opzionarlo inviando una mail all’indirizzo prenotazioni@teatrocestello.it. Per il programma completo www.teatrocestello.it

Spettacolo — rubrica a cura di Alessandro Rella

Alessandro Rella

Alessandro Rella — Fiorentino. Coltiva fin da ragazzo un autentico interesse per la fotografia. Ad oggi, per lavoro, fotografa pietre, perle e gioielli. Per Nove da Firenze segue gli spettacoli che animano il territorio

E-mail: spettacolo@nove.firenze.it