B–Roof: ieri sera il Private Event di apertura

Fotografie di Miriam Curatolo

Al Grand Hotel Baglioni di Firenze, struttura del gruppo Carattere Toscano


FIRENZE- Ha avuto luogo ieri sera sulla terrazza del Baglioni, l’inaugurazione di B-Roof, il nuovo allestimento dell’ultimo piano dello storico hotel fiorentino. Si tratta di un ristorante panoramico che incarna esattamente lo spirito di rebranding e riposizionamento che il gruppo Carattere Toscano intende comunicare.

Sulla terrazza Brunelleschi, ieri sera giornalisti, invitati e amministratori pubblici, tra cui la vicesindaca Cristina Giachi e Stefano Ciuoffo, assessore regionale alle Attività produttive al turismo e al commercio, hanno scoperto la nuova scelta alla carta del ristorante. Per tutto l’anno, per cene, o eventi e, d’estate sulle torrette panoramiche, o sotto il pergolato di vite americana, si potranno gustare anche aperitivi, cocktail e after-dinner direttamente dall’American Bar. Ai fornelli di comando della cucina lo chef Richard Leimer rivisita i classici della tradizione toscana, garantendo l’uso di prodotti di alta qualità, come olio e vino della tenuta proprietaria a Castellina in Chianti. Da ricordare la proposta ieri sera di un piccione disossato, ma sarebbe meglio dire un filetto di piccione, davvero particolare.

“E’ per noi una serata di grande festa -ha spiegato Renzo Masini, direttore commerciale di Carattere Toscano Hotels & Resorts, la Spa con sede a Siena , che controlla lo storico hotel fiorentino- Dopo anni di lavoro e in particolare negli ultimi mesi, con lo sforzo di rebranding, siamo felici di dimostrare che la Toscana è nel nostro cuore e nel nostro brand. Torna così alla città un luogo magico, grazie alla nuova loggia, al B-Green e a tutti gli allestimenti architettonici realizzati”.

Il palazzo di Piazza dell'Unità Italiana, da più di 100 anni sinonimo di accoglienza alberghiera, sotto la direzione di Fabrizio Valgiusti e Franco Marini alla direzione del Ristorante, si apre così alla città, con l’auspicio che la terrazza che fu l’Astrolabium Club, torni a essere una tappa dei percorsi serali dei fiorentini. Oltre che l’albergo da 192 camere, dotate di comfort e i servizi a Quattro Stelle, con annesso Centro Congressi, in nove sale dalla capienza di 400 posti.

Il gruppo si fonda su strutture profondamente radicate nel territorio toscano: il Grand Hotel Baglioni di Firenze, il Resort Roccamare di Castiglione della Pescaia, il Borgo di Pietrafitta Relais di Castellina in Chianti, il Grand Hotel Bastiani di Grosseto. Un’esperienza di viaggio, basata su autenticità, qualità e tradizione, in una delle regioni più visitate del mondo.

L’operazione di rebranding che Carattere Toscano ha intrapreso è in equilibrio tra la necessità di dare forza e posizione dominante al brand e la volontà di non togliere identità alle singole strutture, già dotate di forte riconoscibilità ma non ancora organizzate tra loro secondo un “sistema di codici”. In attesa di aprire alla fine del 2018 una nuova struttura in Oltrarno.

Un tempo in città erano le torri patrizie a gareggiare in altezza. Oggi sono i grandi alberghi a sovrastare il centro storico con sontuose terrazze a vantaggio di privilegiati ospiti, che comodamente, possono ammirare uno dei panorami più belli del mondo.

Nicola Novelli