Banche: la settimana delle BCC toscane

Domenica il giorno della verità per ChiantiBanca. Prima Assemblea post fusione per la Valdichiana. Assemblea Ordinaria dei Soci a Pontassieve venerdì prossimo


Assemblea dei Soci, domenica prossima per ChiantiBanca, reduce da una crisi al vertice, dopo le dimissioni, pochi mesi fa di direttore generale e diversi membri del consiglio di amministrazione. Il giorno della verità è il 14 maggio, quando all'Obihall di Firenze si riuniranno migliaia di soci, accompagnati addirittura con i pullman organizzati da ChiantiBanca con partenze da Siena, San Casciano VP, Prato, Pistoia. La convocazione ha all'ordine del giorno l'approvazione del Progetto di Bilancio d'esercizio 2016 e la presentazione del Gruppo Cassa Centrale Banca, in cui Chiantibanca dovrebbe confluire con l'uscita da Iccrea.

Ma la vera partita su cui saranno chiamati a esprimere il voto soci e delegati è la nomina del nuovo CdA e del nuovo Collegio Sindacale. Su questo si scontrano per la prima volta liste e candidati contrapposti. Una lista ha come candidato riconfermato Presidente Lorenzo Bini Smaghi. L'altra, "Fedeltà alla storia e alla Cooperazione" ha come ispiratori -si dice- i dirigenti dimissionari. In più si registrano anche candidature e spunti programmatici indipendenti da entrambe le liste per il nuovo CdA. La battaglia -c'è da attendersi- non si giocherà sui curriculum vitae dei singoli candidati, quando sul regolamento elettorale e assembleare, in punta di regolamento e riferimenti normativi. Anche perché sinora la crisi gestionale di ChiantiBanca ha vissuto più di anticipazioni giornalistiche che di fatti concreti.

Da mesi i giornali si sono occupati di questa strana epidemia di dimissioni, che sarebbe motivata da inattese sofferenze a bilancio, riscontrate dagli ispettori di Banca d'Italia. Tuttavia l'ammanco pur ammontando a molte decine di milioni di euro, è una somma ridicola rispetto ai crack bancari degli ultimi anni (basti pensare solo in Toscana a Mps, Etruria e Popolare di Vicenza/ex Cr Prato) e sostanzialmente in linea con le difficoltà del credito cooperativo. Di concreto c'è solo che nei giorni scorsi, alla vigilia dell'assemblea, il Cda di ChiantiBanca, presieduto da Lorenzo Bini Smaghi, ha deciso di inviare una relazione del presidente dell'Organismo di vigilanza della Banca alla procura della repubblica di Firenze, in cui si ipotizzano illeciti penali a carico di vecchi amministratori, sindaci e direttore generale, presunti ispiratori della Lista contrapposta a quella di Bini Smaghi.

L'altro fatto che salta agli occhi è che le contestazioni di ostacolo alla vigilanza di Banca d'Italia e false comunicazioni sociali si fermano all'ultimo consiglio di amministazione, quello del 25 marzo 2016, due settimane prima della nomina dello stesso Bini Smaghi alla presidenza dell'istituto bancario (avvenuta il 10 aprile 2016). Ed è un fatto che l'ex membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea, è passato nel giro di un anno, da titolare di una quota sociale familiare a signore incontrastato di ChiantiBanca, proprio a seguito delle dimissioni di quegli uomini che avevano fatto crescere l'istituto e avevano candidato lo stesso Smaghi alla presidenza. Comprensibile il disorientamento delle migliaia di soci dell'istituto e la presenza di due liste concorrenti per il CdA, oltre a candidati indipendenti. L'assemblea di domenica, che si prospetta infuocata, riuscirà a sciogliere i nodi di questa intricata e ancora oggi non molto chiara vicenda?

Quasi 9.000 i Soci, provenienti da diciassette comuni e tre province – Siena, Arezzo e Perugia,- invitati a partecipare all’importante appuntamento che si volgerà presso il Palazzetto dello Sport di Chiusi Scalo a partire dalle 9.30. Banca Valdichiana Credito Cooperativo di Chiusi e Montepulciano si prepara a vivere domenica 14 maggio la sua prima Assemblea dei Soci dopo l’operazione di fusione avvenuta lo scorso 1° luglio 2016 tra Banca Valdichiana Credito Cooperativo Tosco Umbro e Bcc di Montepulciano. Un appuntamento importante che si svolgerà a partire dalle 9.30 presso il “Pala Fuccelli” di Chiusi Scalo, il Palazzetto dello Sport che rappresenta la prima realizzazione di rilievo della allora Cassa Rurale di Chiusi a favore della propria comunità di riferimento. All’Assemblea sono invitati a partecipare gli 8.972 Soci della BCC provenienti da tutto il territorio di competenza, - diciassette comuni posti nelle tre province di Siena Arezzo e Perugia – che saranno chiamati a decidere sugli importanti punti all’ordine del giorno. A partire dalla discussione ed approvazione del Bilancio al 31 dicembre 2016, il primo bilancio della Banca unita che presenta come già sommariamente anticipato dal Presidente Carlo Capeglioni e dal Direttore generale Beniamino Barbi in occasione degli incontri pubblici di presentazione del Plafond 2017 a sostegno dell’economia, un risultato economico negativo le cui motivazioni verranno ampiamente spiegate nel corso dell’Assemblea e che sono comunque da ricondursi a maggiori svalutazioni prudenziali operate sul credito non performing, problema comune a tutto il sistema bancario italiano e che rende oggi la Banca maggiormente conforme ai requisiti richiesti per l’imminente ingresso nel costituendo Gruppo bancario del Credito Cooperativo. Proprio su questo tema verterà un altro punto molto importante all’ordine del giorno dell’Assemblea di domenica 14 maggio, ovvero il terzo punto che prevede l’informativa sulla Riforma del Credito Cooperativo e sui progetti di costituzione di Gruppi bancari cooperativi nonché la discussione e deliberazione dell’intenzione di adesione ad un Gruppo. Gli altri punti all’ordine del giorno saranno le politiche e le prassi di remunerazione e l’informativa in tema di “Attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati alla banca.” Vista l’importanza delle questioni che verranno affrontate i Soci sono invitati a partecipare numerosi all’Assemblea, quale occasione importante di confronto e di condivisione da parte della base sociale, dei valori comuni e dei principi mutualistici su cui si sono sempre basate le azioni delle due BCC di origine e su cui proseguirà l’attività della nuova Banca Valdichiana Credito Cooperativo di Chiusi e Montepulciano.

Si svolgerà venerdì 19 maggio alle 19,30 all’Hotel Moderno di Pontassieve, l’Assemblea Ordinaria dei Soci della BCC di Pontassieve. Tra i punti previsti nell’ordine del giorno l’illustrazione del bilancio consuntivo per il 2016 che sarà, poi portato in approvazione. Otre a questo sarà aperta la discussione per l’adesione della Banca di Pontassieve al gruppo bancario ICCREA. Sicuramente, però, il momento più atteso della serata sarà l’elezione del Presidente, dei componenti del Consiglio di amministrazione, del Collegio Sindacale e del Collegio dei probiviri.

Nicola Novelli