lunedì 22 dicembre 2014

Lingua e cultura cinese: anche a Firenze l’Istituto Confucio

Con la collaborazione dell’Ateneo, accordo con la Tongji University

UNIVERSITÀ — Anche a Firenze nasce un Istituto Confucio. L’iniziativa viene ufficializzata oggi, nel corso dell’incontro degli Istituti Confucio europei, in svolgimento a Bologna, con la firma dell’accordo da parte del rettore Alberto Tesi e del direttore generale di Hanban, la signora Xu Lin. Hanban è l’agenzia del Ministero dell’Istruzione cinese che promuove gli Istituti Confucio con lo scopo di diffondere la conoscenza della lingua cinese e il confronto con la cultura cinese nel mondo.

Obiettivi principali del nuovo Istituto saranno la diffusione dell’insegnamento della lingua cinese agli studenti dell’Università e delle scuole secondarie superiori, a operatori economici e, in generale, agli interessati che vivono a Firenze e nella Toscana centrale; la promozione del confronto interculturale, attraverso eventi e iniziative; il rafforzamento del valore e della qualità delle relazioni sociali, economiche e turistiche con la Cina.

Partner nell’iniziativa sarà la Tongji University di Shanghai, con cui l’Università di Firenze ha già un accordo di collaborazione per scambi didattici e scientifici. L’accordo è in corso di estensione per favorire l’avvio dell’Istituto Confucio, ma anche per accompagnare la costituzione del Campus della stessa università cinese a Firenze nell’ambito di un’iniziativa promossa dal Comune e dalla Regione.

“Il ruolo di un Istituto Confucio a Firenze è esaltato da quattro fattori di contesto – sottolinea Marco Bellandi, prorettore dell’Università di Firenze che ha rappresentato l’Ateneo nei contatti con i partner cinesi - la tradizione delle ricerche dell’Università di Firenze con la Cina e la presenza da lungo tempo dell’insegnamento universitario di lingua cinese a Firenze; le relazioni commerciali e turistiche in sviluppo fra la Toscana centrale e la Cina; la presenza di importanti comunità cinesi a Firenze, Prato e in altri luoghi della Toscana centrale; il fatto che Firenze è una vetrina nazionale e internazionale dello scambio culturale grazie alla sua tradizione e al fortissimo afflusso turistico”.

L’Istituto Confucio presso l’Università di Firenze – questo il nome ufficiale - sarà operativo entro la fine del 2013. Il vicepresidente della Tongji University Dong Qi firmerà lunedì 10 giugno con il rettore Alberto Tesi i due memorandum di intesa che sanciscono la collaborazione per la costituzione dell’Istituto e per l’estensione della cooperazione didattica e scientifica.

Ad oggi sono 133 gli Istituti Confucio in Europa su 500 circa nel mondo. In Italia vi sono 10 Istituti, con sedi in altrettante istituzioni universitarie: Scuola Sant’Anna di Pisa, Università Ca' Foscari di Venezia, Università La Sapienza di Roma, Università degli studi di Bologna, Università degli studi di Macerata, Università statale di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università l'Orientale di Napoli, Università degli studi di Padova, Università degli studi di Torino.

Redazione Nove da Firenze