Rubrica — Empoli Calcio

Avellino vs Empoli 3 -2. Doppio vantaggio dell’Empoli nel primo tempo, ma è l’Avellino a vincere la partita.

facebook seriebnews,com

In 13 minuti l'Avellino mette a segno tre reti: al 47' va in gol Kresic, al 62' Castaldo (rigore) ed al 69' d'Angelo.


La gara, dopo alcune schermaglie iniziali, vede l’Empoli in vantaggio grazie ad una stoccata di Donnarumma, che fa partire un destro preciso e potente, grazie al passaggio preciso, al limite di Bennacer. Dopo poco Novellino è costretto ad effettuare il primo cambio sostituendo Morosini con Castaldo. Un cambio forzato per essersi infortunato in uno scontro con Romagnoli. La reazione dell’Avellino si può definire piuttosto blanda, da segnalare un colpo di testa di Ardemagni su cross di Laverone che trova pronto Provedel a neutralizzare.

Risultato primo tempo: Avellino 0 Empoli 1.

Ad inizio ripresa, al 47’ arriva il raddoppio dell’Empoli, con Zajc che finalizza a rete direttamente su punizione. A questo punto i padroni di casa si svegliano e dopo 5 minuti accorciano le distanze con Kresic che di testa infila a rete su azione di calcio piazzato. Novellino fa subentrare Bidaoui al posto di Molina ed è subito bene tanto che i padroni di casa appaiono subito in rimonta. Anche Vivarini effettua un cambio, facendo subentrare Krunic al posto di Zajc. Al 62’ Castaldo si procura il calcio di rigore per fallo di Seck in area e dopo 7 minuti arriva il sigillo del capitano D’Angelo, servito da un Lavarone in versione splendida .

I ragazzi di Vivarini, si può tranquillamente dire, sono apparsi choc cercando di riprendersi almeno il pari, ma la situazione diventa ancora più complicata quando all’84’ viene espulso Krunic.

La gara si chiude sul risultato di 3 – 2 per l’Avellino, un risultato inimmaginabile, anche se Mister Vivarini nella conferenza stampa pre-gara aveva definito l’Avellino una squadra di carattere, ordinata in campo, dove si difendono tutti ed aggrediscono nelle zone basse del campo oltre alla presenza 12° uomo sugli spalti. Riferendosi alla gara persa al Castellani con il Cittadella aveva detto che le sconfitte aiutano a far crescere la squadra consolidandone il lavoro oltre ad aumentare l’autostima, quindi ….al lavoro, come del resto mister Vivarini  ha sempre ribadito.

Avellino (4-4-1-1): Radu; Ngawa, Migliorini, Kresic, Rizzato; Laverone (39′ st Paghera), D’Angelo, Di Tacchio, Molina (5′ st Bidaoui); Morosini (15′ pt Castaldo); Ardemagni.A disp.: Lezzerini, Pecorini, Marchizza, Moretti, Camarà, Falasco, Lasik, Asencio, Suagher. All.: Novellino.

Empoli (3-4-1-2): Provedel; Veseli, Romagnoli, Luperto; Untersee (29′ st Ninkovic), Bennacer, Castagnetti, Seck (39′ st Pasqual); Zajc (13′ st Krunic); Donnarumma, Caputo. A disp.: Terracciano, Simic, Picchi, Jakupovic, Traore, Polvani, Lollo, Zappella, Di Lorenzo. All.: Vivarini.

Reti: 11′ pt Donnarumma, 2′ st Zajc, 8′ st Kresic, 17′ st rig. Castaldo, 24′ st D’Angelo.

Arbitro: Piccinini di Forlì Assistenti: Rocca di Vibo Valentia e Cipressa di Lecce. Quarto uomo: Valiante di Salerno.

Empoli Calcio — rubrica a cura di Franca Ciari

Franca Ciari

Franca Ciari — Giornalista pubblicista di formazione classica giuridico-economica (commercialista laureata all'Università degli Studi di Siena). Vive a Empoli e si occupa di calcio dal 2008, in particolare della squadra di casa , protagonista da 30 anni della scena italiana del pallone professionistico

E-mail: francaciari@gmail.com