Aspettando Natale: eventi del mese di dicembre

Tutte le iniziative in programma in attesa di Babbo Natale. E la domenica si accendono le luci su mercatini, alberi e animazioni


Per tutto il mese di dicembre, per le festività, i centri storici della Toscana saranno riscaldati dall’atmosfera natalizia e dalle tradizionali luminarie. Nuove emozioni per divertire i piccoli e affascinare i grandi.

Prendono il via da venerdì 2 dicembre le iniziative natalizie del Quartiere 5. Anche quest’anno l’offerta è particolarmente vivace e ricca di eventi diffusi su tutto il territorio, rivolti ad ogni fascia di età. Si segnalano in modo particolare i concerti nelle chiese, le iniziative di animazione rivolte ai bambini, gli spettacoli, sempre per i bambini, al Cinema teatro Castello, al teatro delle Spiagge e al Teatro Nuovo al Lippi ed il nutrito programma che verrà realizzato a San Donato. “Anche quest’anno – sostiene il presidente Cristiano Balli – il Quartiere ha fatto una proposta particolarmente ricca coinvolgendo nei progetti molte realtà del territorio, associazioni a carattere culturale e sociale, alle quali, insieme agli auguri, va un ringraziamento speciale. Ai cittadini un invito a partecipare ai vari appuntamenti che saranno l’occasione anche per trascorrere un momento di socialità nel proprio territorio”.

Un'esplosione di attività al giardino Nidiaci, in Via d'Ardiglione, con la collaborazione della Commissione Cultura del Quartiere 1. Un "villaggio di Natale" fatto dai residenti di San Frediano e Santo Spirito, per e con l'Oltrarno.

Proseguono a pieno ritmo i lavori dei giovani ospiti del Centro diurno per disabili “La Ginestra” di Castelfiorentino, in via Che Guevara in vista delle festività natalizie. Manufatti di ogni tipo, presepi, immagini sacre, mosaici dall’estro creativo più volte premiato, saranno soltanto alcuni dei doni da potere acquistare e regalare in occasione del prossimo Natale. Mercoledì 7 dicembre, alle ore 17, sarà inaugurato, dunque, il mercatino del Natale degli ospiti del Centro diurno nella sede di via Che Guevara e rimarrà aperto fino a venerdì 23 dicembre (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 16). Per informazioni è possibile telefonare al numero di telefono 0571 878812/13. L’inaugurazione del mercatino è un’occasione da non perdere per apprezzare i lavori realizzati durante le attività di laboratorio del Centro e rendere felice chi con grande serietà artigianale dedica tutto se stesso alla creazione di opere che esprimono il suo sguardo indifeso sul mondo.

“Non tutto quello che è usato è da buttare, basta un semplice ritocco e un vecchio giocattolo, una bambola dimenticata, può essere riciclata e far felice un altro bambino” è questo lo spirito di “Rigiocattolo” l’iniziativa che per il terzo anno consecutivo caratterizzerà le feste natalizie a Dicomano. Il principio dell’iniziativa, che coinvolge scuola e famiglie, è semplice: i bambini potranno, fino a martedì 6 dicembre, portare giocattoli nuovi o vecchi (purchè in buono stato) nei centri di raccolta situati nel Palazzo Comunale e in Biblioteca. Giovedì 8 dicembre alle 17 in occasione del laboratorio “Natale al museo”, che si svolgerà all’interno del Museo Archeologico di Dicomano, saranno esposti i giochi raccolti ed ogni bambino potrà scegliere gratuitamente un giocattolo, donandogli una seconda vita. 

E anche Marradi si appresta a calarsi nelle atmosfere natalizie. Domenica prossima, 4 dicembre, e quella successiva, 11 dicembre, nel paese dell'Alto Mugello si tiene “Natale a Marradi”. Due appuntamenti organizzati dall’associazione “Graticola d’Oro” in collaborazione con Ascom-Confcommercio e Club Sportivo Culturale Marradese ed il patrocinio del Comune: mercatini con prodotti tipici e natalizi, intrattenimento per i bambini e cori, gastronomia locale e negozi aperti per lo shopping natalizio. Lungo le vie del paese le tradizionali bancarelle con prodotti artigianali, idee regalo e decori natalizi, mentre nel villaggio di Babbo Natale, in piazza Scalelle, i bambini potranno giocare con gli elfi e scrivere la letterina da consegnare all'omone dalla lunga barba bianca vestito di rosso. Ed ancora, si potranno degustare i piatti tipici della cucina marradese nei “Ristoranti in piazza” oppure gustare caldarroste e vin brulé riscaldandosi al fuoco del grande braciere. Le due domeniche saranno animate, poi, da “All’inCirco”, teatro di marionette e burattini realizzati con materiale di riciclo, spettacoli di bolle di sapone, cori natalizi. Per info: ufficio turistico, tel. 0558045170.

Archiviato l'autunno con i marroni e suoi frutti, ora è tempo di Natale. Nel centro storico di Palazzuolo sul Senio tornano, infatti, i colori della festa nelle settimane in avvicinamento al Natale. Da tredici anni ormai, nei giorni festivi che precedono il Natale, quest’anno le domeniche 4, 11 e 18 dicembre e l’8 dicembre in occasione della Festa dell’Immacolata, tutta la magia di questo magico periodo dell'anno può essere vissuta, grazie ai Mercatini di Natale “Magie dell’Avvento”. Un appuntamento tra i più conosciuti e apprezzati che ogni anno richiama migliaia di visitatori da gran parte d’Italia, proponendo i decori più originali e le più belle idee regalo, avvolgendo grandi e piccini in un’atmosfera ricca di fascino. I turisti potranno percorrere le vie del centro storico al ritmo di canti natalizi, ammirando i tradizionali e innovativi presepi del percorso “100 Presepi per Palazzuolo“, tra le tante rappresentazioni della natività sparse in ogni anfratto, piazza, vetrina, giardino e angoletto caratteristico. Che potranno essere votate dai visitatori tramite le schede apposite che si trovano presso i luoghi pubblici e che il 6 gennaio vedrà premiare i presepi più belli. Ed il 26 dicembre, al calar del sole, la magia del Presepe Vivente. Da domenica 4, dunque, il centro del paese sarà la parte più suggestiva della manifestazione, con la Piazza dell’Avvento (Piazza IV Novembre) dove verranno allestiti stand con prodotti tipicamente natalizi, presepi, palline, decori, composizioni, candele e tutto quanto possa essere utile per un ultimo regalo in vista del Natale. Con Babbo Natale che non perderà occasione per soffermarsi con i bambini che vorranno parlare con lui ed affidargli le loro letterine. O Tinto, che con i suoi asinelli, sarà attrazione per i più piccoli, ma non solo. Non mancheranno, inoltre, le specialità gastronomiche, oltre agli espositori di prodotti tipici provenienti da molte zone di Italia. Il 18 dicembre un succulento pranzo, con cappelletti rigorosamente fatti a mano e tante altre specialità locali, dolce e salate, sarà il modo di entrare nella settimana del Natale e scambiarsi gli auguri davanti ad un gustoso piatto fumante.

La cultura accende la città e il Natale con il Prato Festival 2016, oltre 150 appuntamenti tra musica, teatro, cinema, giochi ed intrattenimento per grandi e piccoli dal 24 novembre al 29 gennaio. La manifestazione è come sempre organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune, con il contributo di Lidl e Toscana Energia. Prato festival coinvolge 5 Musei, 7 Teatri, 3 Piazze, 3 spazi polivalenti, 3 Biblioteche, 2 Cinema, 6 Chiese, 7 Circoli, 2 New-entry (Celle-frigo degli Ex Macelli, Palazzo Orlandi), Ospedale Santo Stefano, Casa circondariale della Dogaia. Ecco gli eventi principali del cartellone di quest’anno: martedì 29 e mercoledì 30 novembre alle 21.15 ad Officina Giovani “ Proteggimi”, evento realizzato all’interno del carcere maschile di Prato da Metropopolare con allievi attori detenuti e professionisti dello spettacolo ispirato a “Un tram che si chiama desiderio”di Tennessee Williams; martedì 6 dicembre ore 21 al Convitto Cicognini “E Johnny prese il fucile”, audiodramma dal vivo interpretato da Fonderia Mercury ispirato al film di Dalton Trumbo sulla Prima Guerra Mondiale; dal 16 al 18 dicembre ad Officina Giovani Prato Filmmakers in Festival, volto a valorizzare la produzione cinematografica pratese e toscana; martedì 27 dicembre ore 22 ad Officina Giovani Rocco Hunt con il suo Wake up tour, il live del rapper campano vincitore del Festival di Sanremo 2014 nella sezione Nuove proposte (uno dei pochissimi eventi a pagamento, ingresso 15 euro); Capodanno per tutti i gusti con una grande festa in piazza la notte di San Silvestro, per la prima volta piazza San Francesco, con Roy Paci e Aretuska Allstars, un’esplosione di energia latin-jazz “Toda joia toda beleza” ad ingresso libero, ma anche il tradizionale concerto al Politeama della Camerata strumentale Città di Prato, “Fuochi d’ar chificio”, con Luigi Piovano, primo violoncello solista dell’Orchestra nazionale di Santa Cecilia; sempre in tema di tradizione domenica 1° gennaio alle 17 al Metastasio il Gospel di Capodanno con The Harlem voices featuring Eric B. Turner. Oltre a questi, tanti gli appuntamenti musicali di grande richiamo: innanzitutto dal 1° al 3 dicembre ad Officina Giovani ci sarà Kiss Kiss Band Band, con sei gruppi selezionati nell’ambito del progetto Toscana 100 band, promosso dalla Regione Toscana per la valorizzazione di gruppi musicali con artisti under 35, la XVI edizione delContempoartefestival il 2, 10 e 27 dicembre al Convitto Cicognini e al Magnolfi e il Festival Giulio Gabbiani, con due iniziative per celebrare il centenario della nascita del maestro Giulio Gabbiani, uno dei più brillanti musicisti pratesi del Novecento: la prima è una mostra nello spazio Valentini di via Ricasoli, inaugurata sabato scorso 26 novembre, con cimeli e foto che ripercorrono la brillante carriera del Maestro, l’altra è il concerto dell’Orchestra cittadina Chiti e della Scuola di Musica Verdi il 7 dicembre alle 21 all’Auditorium della Camera di Commercio. Giovedì 8 dicembre al Pecci Mai Mai Mai + Passed nel sud , lavoro audiovisivo del musicista elettronico Mai Mai Mai realizzato in collaborazione con il video-artista Simone Donadini. Il progetto, presentato al Pesaro Film Festival 2016, consiste in una sonorizzazione dal vivo di un montaggio di filmati girati da registi che hanno fatto la storia del documentario etnografico italiano (ingresso 10 euro, ridotto 7). Il 9 dicembre ad Officina Giovani invece Double trouble feat. Bunna in concerto, tre grandi artisti della scena reggae italiana, Zibba, Raphael e Bunna, accomunati dalla stessa passione per Bob Marley, a cui hanno deciso di rendere omaggio con il progetto “Double Trouble”, dal quale è stato estratto un disco omonimo. Lunedì 12 dicembre al Carcere Della Dogaia “ Il Quinto elemento”, quintetto vocale a cappella formato da cinque soliste toscane. Il 13 dicembre a Officina Mauro Campobasso e Mauro Manzoni, musicisti di jazz e attenti cultori e appassionati di cinema, scelgono di esplorare l’epopea del west e il mondo dei gangster, attraverso un montaggio di sequenze e immagini appartenenti alle opere cardine di Sergio Leone, in diretta connessione con il suo compositore principe, Ennio Morricone. Giovedì 15 dicembre alle 21.30 al Chiesino di San Giovanni un appuntamento di grande attualità, per andare oltre gli stereotipi sui temi dell’immigrazione: “An evening with an immigrant”, spettacolo tra poesie e anedotti di Inua Ellams, nato da padre musulmano e madre cristiana, che racconta la sua storia di immigrato in fuga dall’Islam fondamentalista, di come ha diretto un festival delle arti nel college di Dublino, eseguito show al National Theatre e bevuto vino con la Regina d’Inghilterra. Tuttora non ha un paese che riesce a chiamare casa. E ancora il 21 dicembre al Pecci il percussionista e compositore Sebastiano De Gennaro con All my robots, il 23 dicembre a Officina giovani Alessandro Fiori con la tradizione meno allineata degli anni Sessanta e Settanta (Gaber, Ciampi, Dalla e Graziani), più il mundial disco punk dei Sex Pizzul nell’unione (im)possibile tra calcio e musica e djset e il 28 dicembre, sempre ad Officina giovani , 7Cœli//CosmaMentis, concerto ideato dalla musicista pratese Sadi. Durante lo spettacolo Sadi interagirà col pubblico con un particolare strumento musicale da lei ideato, il 7Coeli appunto, ispirato alle teorie pitagoriche di armonizzazione dinamica. Tanti anche gli appuntamenti per gli appassionati di teatro, tra cui si segnalano il 9 dicembre al teatro Magnolfi, “Un viaggio lungo un mondo”, di Claudia Cappellini, diretto ed interpretato da Gionni Voltan, che ripercorre la vita straordinaria di Don Lorenzo MIlani , e “ Bye baby suite” sabato 17 e domenica 18 dicembre a Palazzo Orlandi di Alessia Innocenti su Marilyn Monroe nella sua intimità più scomoda: lo spettacolo, di grande successo anche oltre i confini nazionali, celebrato anche da Le Monde, è il ritratto di un’artista mal compresa, una donna alla deriva in una notte, forse l’ultima, tra alcol e pillole. Giovedì 22 dicembre al Magnolfi L’infanzia negata dei celestini, di Maila Ermini, il racconto del tristemente famoso orfanotrofio di Prato e il 4 gennaio a Officina giovani “ Il coraggio di dire no”, racconto travolgente e commovente di Giorgio Perlasca, un Giusto tra le Nazioni, che mettendo a rischio la propria vita si finge funzionario dell’ambasciata di Spagna per salvare più di 5.200 persone. Per la prima volta i musei della città sono riuniti sotto l’unica etichetta di Pratomusei, presentando un ampio programma di appuntamenti che spazia dal rinnovato e ampliato nuovo Centro per l’Arte contemporanea Luigi Pecci, al Museo del Tessuto, a Palazzo Pretorio e ai Musei Diocesani con mostre, visite guidate e laboratori per bambini e famiglie. E tantissimi sono gli eventi dedicati ai bambini, da Palazzo Pretorio al Metastasio ragazzi, alla biblioteca Lazzerini, le Fiabe a teatro, i cartoni animati al cinema Eden e altro ancora. Grande spazio in diverse iniziative sarà dato poi al restauro della Basilica della Natività di Betlemme da parte della ditta pratese Piacenti: al Terminale la rassegna cinematografica " la Natività e altre storie italiane", curata dal regista Riccardo Iacopino, che parte dai lavori di Betlemme per raccontare l attualità dei nostri tempi. Il via è il 12 dicembre con la proiezione del documentario Restaurare il cielo di Tommaso Santi, alla presenza del regista e autore. Il restauro in Terra Santa sarà protagonista anche della mostra nella chiesa di San Domenico a partire dal 11 dicembre.

Dopo il clamoroso successo ottenuto lo scorso anno (oltre 14mila visitatori), torna “PresepiAmo Città di Pistoia”, la rassegna non competitiva di presepi organizzata dall’associazione culturale PresepiAmo in collaborazione con la Diocesi e il Comune di Pistoia e la Regione Toscana. La 2° edizione sarà inaugurata a partire dalle ore 17 di domenica 4 dicembre e si protrarrà sino a domenica 8 gennaio 2017. Cambia il luogo dell’evento: non più il bel Chiostro della chiesa di San Francesco, ma la suggestiva chiesa del Carmine, nell’omonima piazza della città di Giano. Sarà Don Luca Carlesi a tagliare il nastro. Tempo permettendo, un’ora prima da Piazza del Duomo una figurante, nelle vesti della Madonna, muoverà verso piazza del Carmine su un asinello. Fuori dalla chiesa si andrà componendo uno splendido presepe vivente. Questi gli orari della mostra, il cui costo d’ingresso sarà di 2 euro a persona: tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, apertura dalle 16 alle 19.30, per l’Immacolata Concezione, Natale, Santo Stefano e l’Epifania apertura anche la mattina dalle 10 alle 12.30. Giorno di chiusura sabato 31 dicembre. Saranno circa 200 i presepi esposti, dalle grandi composizioni a quelli in miniatura, di una sessantina tra artisti e collezionisti di tutta Italia. Durante il mese dell’esposizione vi saranno alcuni appuntamenti da non perdere, tra i quali l’esibizione del Coro degli Alpini e il concerto del Coro Gospel di Pistoia e Prato. Al termine della mostra è prevista anche la pubblicazione e diffusione di un catalogo.

Arte, musica, gusto e tradizione caratterizzeranno la giornata di domani, venerdì 2 dicembre, con gli appuntamenti di “Tutto il Natale di Siena”, il cartellone di eventi che animerà la città fino al 31 gennaio 2017. Una giornata all’insegna di percorsi tematici e culturali. La giornata di venerdì 2 dicembre si aprirà alle ore 7 con il tradizionale Mercato dei produttori agricoli toscani in Viale Maccari. Il primo appuntamento della mattina sarà alle ore 10.30 al Complesso Museale Santa Maria della Scala, in piazza Duomo, nell’ambito del programma di educazione all’arte contemporanea #Informiamoci. L’incontro intitolato ‘L’arte contemporanea è empatica?’ vedrà come protagonista Paola Tognon, critica, curatrice e fondatrice di Contemporary locus. L’evento è gratuito, su prenotazione chiamando il numero 0577 534531.

Babbo Natale, la moglie Natalina e i loro fedeli aiutanti elfi, folletti e gnomi hanno scelto Abbadia Isola (Monteriggioni) come meta delle loro vacanze invernali. E l’8 dicembre apriranno le porte del loro villaggio incantato a grandi e piccoli per intraprendere un fantastico viaggio dal titolo “Natale coi fiocchi”. Per tutto il giorno (dalle ore 11 alle ore 22) i bambini potranno ottenere il diploma ufficiale di aiutante di Babbo Natale, dopo aver superato una serie di prove e dopo aver seguito laboratori e giochi: un buon Elfo infatti deve conoscere L'Elfico, i trucchi della costruzione dei giocattoli, l'arte delle letterine, dei bigliettini e dei timbri, i segreti della cucina della moglie Natalina. All'interno del villaggio i viaggiatori potranno incontrare personaggi “unici”: elfi, folletti, gnomi, Babbo Natale, la moglie Natalina, l'Orso Polare, la Regina delle Nevi e tanti altri. Al Circolo polare si potrà ammirare un igloo da attraversare, mentre nella Piazza del Grande Albero e nelle botteghe di Pan di via i viaggiatori troveranno vere botteghe di elfi e folletti dove potranno degustare prodotti locali e tipici di questo periodo: castagne, cioccolata calda, vin brulè, panini caldi e freddi, piatti di cucina casalinga. Poco lontano l’ufficio postale dove inviare le lettere a Babbo Natale e l’edicola dove sfogliare “La gazzetta del folletto” per restare sempre aggiornati sul mondo di Babbo Natale. Per tutto il giorno il Villaggio sarà allietato dalla musica della Girlesque Street band. 

La Città di Chiusi è pronta ad accogliere e a vivere le festività natalizie con un dicembre all’insegna di tanti eventi ed iniziative a partire già da sabato 3 dicembre alle ore 18.00 con la Fondazione Orizzonti d’Arte e “A tu per tu” lo spazio pensato per far incontrare gli attori e il pubblico al quale parteciperà Sabrina Impacciatore e Walter Malosti protagonisti, alle ore 21.00, sul palcoscenico del Teatro Mascagni con “Venere in Pelliccia” (primo spettacolo della stagione teatrale invernale del cartellone della Città di Chiusi). Domenica 4 dicembre tornerà invece un grande classico degli eventi di Chiusi ovvero la Fiera della Stazione che animerà le vie dello Scalo per tutta la giornata con tante offerte per gli amanti dello shopping. Sempre domenica 4 dicembre gli appassionati di storia e archeologia avranno l’occasione di visitare i musei della città (Museo Nazionale Etrusco, Museo Civico La Città Sotterranea e Museo della Cattedrale) approfittando della gratuità del Museo Nazionale Etrusco grazie alle domeniche al museo a cura del Mibact e dell'ingresso ridotto negli altri musei. Giovedì 8 dicembre ancora protagoniste saranno le vie dello Scalo con lo spettacolo delle “Fontane Danzanti” in Piazza Dante a cura del CCN Chiusinvetrina e con l’apertura dell'officina di Babbo Natale in Piazza Garibaldi, lo spazio in collaborazione con le contrade di Chiusi Scalo, Comune ed altre associazioni, che presenterà l’iniziativa “Letture che scaldano il cuore” a cura dall’associazione Asservizio (ore 17,00) in collaborazione con la Biblioteca Comunale Città di Chiusi. Il 10/11/17 e 18 dicembre tornerà “Vie delle Stelle” il mercatino che, come lo scorso anno, si svolgerà in via Pasubio a Chiusi Stazione con tanti giochi dedicati ai bambini e molte offerte per grandi e piccoli. La domenica successiva (11 dicembre) al Teatro Mascagni si terrà il concerto della Filarmonica Città di Chiusi in onore a Santa Cecilia (ingresso gratuito); due giorni dopo (martedì 13 dicembre) dalle ore 17.00 i bambini potranno scoprire il mondo degli etruschi con i laboratori che si svolgeranno nella Casa della Cultura - Biblioteca Comunale, in collaborazione con la Cooperativa Clanis. A Chiusi Stazione domenica 11 dicembre,oltre al mercatino “Vie delle Stelle” arriverà “l’Officina di Babbo Natale” con la Baby Dance, la Tombola di Natale e il CHRISTMAS CIUF - la Locomotiva di Babbo Natale con giochi, magia, luci e consegna delle letterine. Arrivati alla metà del mese di dicembre altre iniziative accompagneranno la città fino alla fine dell’anno. Domenica 18 il tanto atteso appuntamento con Babbo Natale dal Cielo in Piazza Dante alle ore 17.00 grazie alla collaborazione tra il CCN Chiusinvetrina e i Vigili del Fuoco che animeranno la giornata con “Pompieropoli”; novità di quest’anno anche un’inattesa nevicata. Da domenica 18 (anche giorno di mercatino di Porsenna in centro storico) fino a sabato 31 al chiostro di San Francesco sarà allestita l’istallazione artistica di Paolo Scattoni intitolata “La Danza del Lago” mentre da mercoledì 21 fino all’ultimo giorno dell’anno (escluso per Natale e Santo Stefano) al Museo Nazionale Etrusco si svolgeranno dei laboratori per bambini dove attraverso il gioco si imparerà anche a conoscere la storia del popolo etrusco e non solo. In attesa del nuovo anno il 31 dicembre mentre ristoranti ed esercenti proporranno i tradizionali cenoni ed eventi, il calore di una pira di fuoco arderà in piazza. Il benvenuto al nuovo anno sarà dato dalla Filarmonica Città di Chiusi con il tradizionale concerto di Capodanno che si svolgerà il 1 gennaio alle ore 17.00 in Duomo. Martedì 3 gennaio la Casa della Cultura - Biblioteca Comunale sarà protagonista con “Aspettando la Befana” iniziativa di letture e laboratori per bambini. La befana sarà attesa anche a Montallese giovedì 5 gennaio con l’iniziativa organizzata dall’associazione Volto Amico. Nel pomeriggio della stessa giornata in centro storico, l’Associazione Nazionale Ragazzi in Gamba in collaborazione con i Terzieri, la Parrocchia di Chiusi Città, la Fondazione Orizzonti d’Arte e altre associazioni proporranno il Rito dell’arrivo dei Re Magi per le vie del Centro Storico e in Duomo al quale seguirà il musical “Betlemme anno zero “ alle ore 21.00 al Teatro Mascagni organizzato dalla Parrocchia di Chiusi Scalo. Molto attesa anche la cena delle befane a cura dei terzieri, sempre il 5 gennaio a partire dalle ore 20.00 in centro storico.

Nelle antiche, nobili sale di Palazzo Chigi, rivivono fiabe capaci di emozionare i bambini di ogni generazione. Sarà un magico Natale quello di San Quirico d’Orcia. Dall’8 dicembre all’8 gennaio, la sede del Comune, lo storico Palazzo Chigi, apre le sue porte a ‘Il palazzo delle fiabe’, trasformandosi così in un luogo magico dove vivere straordinarie esperienze tra tradizione e meraviglia. Nelle antiche, nobili sale di Palazzo Chigi, rivivono fiabe capaci di emozionare i bambini di ogni generazione. Su quelle immagini magiche i bambini si addormentano e sognano. Fate turchine, principi e principesse, gatti aristocratici che fanno jazz, eroi in lotta contro le ingiustizie, ma anche streghe e mostri, uomini malvagi, lupi e draghi: un universo che ha un potere educativo altissimo e che preannuncia un mondo assai complicato, come quello della vita che attende i bambini nella loro crescita. Il Palazzo delle Fiabe nasce dentro alla fiaba più grande, quella del Natale, fatta anch’essa di tutti gli ingredienti del genere: il sogno di Giuseppe, il difficile pellegrinaggio, la nascita del bambino Gesù in una grotta, l’asino e il bue, Erode il cattivo, la stella cometa, i pastori e i magi venuti da lontano. Il Palazzo delle Fiabe è un’iniziativa promossa e realizzata da Associazione Le Muse, Comune di San Quirico d’Orcia, MusicaInsieme, Danza Tersicore, Geni e Bricconi. Info su aperture: 8, 9, 10 e 11 dicembre e ancora, sempre a dicembre, nei giorni: 17, 18, 23, 24, 26, 29, 30 e 31. A gennaio nei giorni 1 e dal 5 all’8. Orario: dalle 15.30 alle 19.00. Ingresso: ordinario euro 4,50, special kit delle fiabe euro 6. 

A Volterra e nelle sue frazioni si respira aria di Natale. Sono arrivati ieri mattina gli alberi da posizionare a Villamagna, Saline e Volterra, dove sarà posizionato al centro di Piazza dei Priori. «È sempre molto emozionante vedere l'albero in piazza – dichiara l’assessore al turismo del Comune di Volterra Gianni Baruffa - Una tradizione che è tornata lo scorso anno e che anche quest'anno si ripete. Due bellissimi esemplari anche per le frazioni e nei prossimi giorni inizieranno l'allestimento delle luci sia nelle vie che sugli alberi». A Volterra, nel buco già esistente in Piazza dei Priori, è stato installato un albero da 13 metri e sempre in piazza sarà a breve installato anche il presepe a cura dell' associazione “Chi ha piume volerà”, Misericordia e amministrazione comunale. «Sarà un presepe ricco di significato per le modalità con cui verrà realizzato – aggiunge l’assessore Baruffa - Insomma un altro ritorno importante per le festività natalizie che ci riserveranno ancora tante piacevoli sorprese».

L’8 dicembre Pitigliano accende le luci del Natale, per dare inizio ad un mese di festeggiamenti organizzati dalla pro loco l’Orso, in collaborazione con l’amministrazione comunale. Tanti appuntamenti che accompagneranno cittadini e turisti fino alla notte dell’Epifania. La novità più attesa del Natale 2016 è la grande pista di pattinaggio, in piazza della Repubblica, che sarà aperta tutti i giorni con i suoi oltre 200 metri quadri di puro divertimento. Altra attrazione dedicata ai più piccoli è la giostra per bambini, la classica giostrina a tema natalizio che sarà aperta tutti i giorni, in piazza della Repubblica, per un mese intero. La magia del Natale entrerà nel vivo i fine settimana: tutti i week end, infatti, a partire dall’8 dicembre, le vie del centro storico si animeranno con i mercatini natalizi. E in piazza San Gregorio, oltre alle classiche casette natalizie ad attendere i bambini ci sarà la casa di Babbo Natale. I negozianti del borgo allestiranno le vetrine ed esporranno i propri prodotti, le vie del centro si riempiranno di musica e spettacoli, garantendo un’atmosfera unica in uno dei Borghi più Belli d’Italia, nonché Bandiera arancione Touring Club. Appuntamento imperdibile sarà il Capodanno pitiglianese, un evento che si ripete da molti anni e che vede la città del tufo riempirsi di turisti. Quest’anno il 31 dicembre, oltre al tradizionale concerto di fine anno in piazza della Repubblica, vi sarà anche uno spettacolo di fuochi d’artificio.

Natale 2016: eventi a Firenze e Città Metropolitana

Redazione Nove da Firenze