​Ape social, in Toscana 1000 operai edili verso l’esclusione

 In arrivo anche la "beffa" sulla certificazione del lavoro gravoso, appello al Governo


 Fine cantiere mai. In Toscana sono circa 29mila gli operai edili iscritti alla Cassa edile. Di questi, circa mille hanno più di 63 anni, paletto necessario per accedere alla possibilità della pensione anticipata con lo strumento dell’Ape social: ma per quasi tutto loro, se non tutti, sarà impossibile ottenere l’anticipo pensionistico, per via dei requisiti troppo stringenti che sono richiesti. “Questi lavoratori sono penalizzati anche perché la loro vita lavorativa è caratterizzata dalla discontinuità. Per questo l’Ape agevolata sa di presa in giro. A 65 anni lavorare in cantiere è dura, i lavori non sono tutti uguali, non ci possono essere degli anziani sulle impalcature, basta coi nonni sui ponteggi”, spiega Giulia Bartoli, segretaria generale Fillea Cgil Toscana.

Ma quali sono questi paletti che rendono difficile l’accesso all’Ape social per gli operai edili? Oltre a quelli ormai “classici” (36 anni di contribuzione, 6 degli ultimi sette con continuità contributiva: paletti già molto rigidi perché gli operai edili hanno, per la natura dell’attività, storie contributive frastagliate), si aggiunge il fatto che le ultime circolari dell’Inps impongono ai lavoratori di certificare gli anni svolti come lavoro gravoso. E questa certificazione deve essere fatta da un soggetto terzo, cioè l’impresa. “Ma in un settore come l’edilizia, caratterizzato da estrema flessibilità e dove spesso un lavoratore cambia azienda, molte ditte hanno chiuso o sono introvabili. Come fa un lavoratore a farsi scrivere questa certificazione? In questo modo alla beffa si aggiunge un’altra beffa”, dice Bartoli.
Che aggiunge: “I sindacati hanno chiesto al Governo un incontro urgente sulle criticità emerse nella fase attuativa dell’Ape, chiediamo anche di trovare un altro metodo per la produzione di questa certificazione da parte degli operai, magari passando per le Casse edili. Più in generale, è necessario intervenire sulla legge Fornero affinché chi fa un lavoro gravoso e particolare come quello edile possa andare in pensione prima”.

Redazione Nove da Firenze