Amianto al Da Vinci di Firenze, Osservatorio chiede tempi certi

L'Osservatorio Nazionale Amianto accoglie con grande soddisfazione le parole del sindaco di Firenze Dario Nardella, ma chiede i tempi


In occasione della riapertura delle scuole, Dario Nardella ha annunciato di voler trasferire i 400 studenti dell'Istituto Leonardo da Vinci di Firenze, l'Osservatorio Nazionale Amianto si augura che il sindaco vorrà passare presto dalle parole ai fatti.

“Meglio tardi che mai, il sindaco Nardella ha finalmente accolto le richieste che l'Ona ha ripetutamente presentato fin dall'aprile 2014 - dichiara il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto, l'avvocato Ezio Bonanni - Ora ci aspettiamo che vengano definiti nel più breve tempo possibile i tempi e le modalità del trasferimento”.

Ricorda l'ONA che "Sulla vicenda della scuola Leonardo da Vinci pende un'inchiesta: lo scorso 4 agosto il gip Alessandro Moneti ha rigettato la richiesta di archiviazione, ritenendo necessario proseguire le indagini, accogliendo l'istanza dell'Ona e dell’avvocato Ezio Bonanni, che in sede di udienza ha addotto ulteriori elementi a sostegno della necessità della prosecuzione delle indagini preliminari".

Sottolinea poi l'Osservatorio che “Il premier Matteo Renzi ha detto che l'edilizia scolastica è una priorità del Governo. Sarebbe molto bello se Renzi venisse a visitare una scuola diventata tra le più famose in Italia, e che non costituisce un biglietto da visita esaltante per la buona scuola fiorentina”.

D
ichiara Antonella Franchi, coordinatrice settore Scuola dell'Ona “Il sindaco Nardella conosce bene la scuola, fa quello che può ma i soldi per demolire la scuola non ci sono. Aspettiamo che i soldi arrivino, visto che il presidente del Consiglio ha detto che i soldi per l'edilizia scolastica dovrebbero stare fuori dal patto di stabilità”.

Redazione Nove da Firenze