Alla scoperta dei fumetti giapponesi

Venerdì 2 dicembre secondo appuntamento della rassegna teatrale curata dall’Associazione culturale Timbre in collaborazione con la Scintilla


Ecce Robot” e “Lo chiamavano Atlas Ufo Robot”. Con una giornata dedicata ai cartoni giapponesi prosegue “Sipario Aperto”, rassegna teatrale curata dall’Associazione culturale Timbre e promossa dal Comune di Poggibonsi e dalla Fondazione E.l.s.a. che quest’anno oltre al teatro apre le sue porte anche al fumetto e all’illustrazione grazie alla collaborazione con l’Associazione La Scintilla. Il tema portante per questa edizione è il confronto tra teatro, fumetto e illustrazione, un confronto di linguaggi all’insegna della contemporaneità che si declina attraverso spettacoli teatrali e incontri di approfondimento a tema.

Venerdì 2 dicembre alle ore 21.30, presso la Sale SET del Teatro Politeama di Poggibonsi il prorompente attore romano Daniele Timpano porterà il suo “Ecce Robot!” spettacolo liberamente ispirato all’opera di Go Nagai, (tra i più noti illustratori di manga giapponesi, Mazinga Z, Ufo Robot). Nello spettacolo “Ecce Robot!” si narrano gli avvenimenti dell’Italia tra fine anni 70 e gli 80 incrociando la cronaca con l’avvento dei fumetti giapponesi.

A precedere, alle 18.00 presso l’Auditorium AccaBì, si svolgerà “Lo chiamavano Atlas Ufo Robot” (ingresso libero), una conferenza (molto) animata di Luca Boschi che prende le mosse dal 1978. Molte cose accaddero in quell’anno in Italia. Belle, buffe, inquietanti, tragiche. Tra queste l'apparizione, tra scandalo e clamoroso successo, dei “cartoni animati giapponesi”. Luca Boschi, grande esperto di fumetti e animazioni, direttore culturale di Napoli Comicon, racconterà quell'anno, legando i temuti ed esecrati cartoni giapponesi alla vicenda politica e alla storia sociale, accompagnato da video e musiche. “Lo chiamavano Atlas Ufo Robot” è un'iniziativa di FOF, Fumetto Oltre Fumetto, a cura dell'associazione la Scintilla nell'ambito della rassegna “Sipario Aperto”.

“Sipario aperto” si concluderà con lo spettacolo “Scarabocchi” il 13 gennaio alle ore 21.30, scritto e quattro mani da Andrea Fazzini/Teatro Rebis e Maicol&Mirco, noto illustratore di Smemoranda e di tanti altri fumetti. Lo spettacolo porta in scena il fumetto “Scarabocchi” in un confronto di linguaggi e satira pungente. Alle ore 21.00, sempre nella Sala SET “30 minuti con Maicol&Mirco” in cui l’autore terrà una spericolata conversazione sui suoi fumetti e sulla sua opera.

La rassegna “Sipario Aperto” è promossa dall’Associazione culturale Timbre e dall’’Amministrazione comunale di Poggibonsi in collaborazione con l’Associazione La Scintilla e la Fondazione ELSA. La rassegna è inserita come fuori abbonamento della più ampia stagione del Teatro Politeama e del circuito dei Teatri della Valdelsa.

Informazioni e prenotazioni: info@timbreteatroverdi.it www.timbreteatroverdi.it

Pagina Facebook: TeatroVerdi Associazione Timbre
La sala S.E.T. è in Via Trento a Poggibonsi (Siena).

Redazione Nove da Firenze