Alaska: recuperato il corpo del pilota empolese schiantatosi in volo lunedì

Il 54enne Gabriele Cianetti era rimasto ucciso alla guida di un Cessna 208B Caravan, il 1 maggio 2016, precipitando sulla penisola orientale


E' stato recuperato giovedì il corpo del pilota rimasto ucciso nell'incidente aereo nei pressi del Lago Chignik, nella penisola orientale dell'Alaska. Secondo quanto scrive il giornale on line www.adn.com, i resti di Gabriele Cianetti, originario di Empoli, sono stati recuperati dai membri del soccorso alpino, che hanno raggiunto il luogo a bordo di un elicottero Jayhawk della Guardia Costiera dalla Stazione aerea di Kodiak. Il corpo di Cianetti si trovava a fianco del Cessna 208B Caravan, a circa 8 miglia a sud di Chignik Lake.

L'aereo di Cianetti è precipitato lunedi pomeriggio, durante un volo da Port Heiden a Perryville. Già quella sera una squadra di salvataggio aveva raggiunto il sito -ad un'altitudine di 3.000 piedi su un terreno montagnoso- confermando la morte di Cianetti. Ma i piani per una missione di recupero della salma sono stati ritardati di maltempo. A causa della lunga distanza la Guardia Costiera ha limitato la squadra a bordo a tre membri, nonostante l'aereo precipitato fosse in una posizione pericolosa. Il team ha condotto il recupero e ha poi proseguito sino Sand Point. I resti di Cianetti sono stati trasporti ad Anchorage per l'autopsia presso la State Medical Examiner Office. Una relazione preliminare sull'incidente dovrebbe essere pubblicata la prossima settimana.

Redazione Nove da Firenze