Abusivi a Firenze: controlli notturni dopo la foto denuncia

 Rafforzamento notturno chiesto dal Prefetto Alessio Giuffrida: "Rimodulata la strategia di contrasto"


Più pattuglie di notte per contrastare l’abusivismo commerciale del centro storico, lo ha deciso il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito stamani a Palazzo Medici Riccardi, presieduto dal prefetto Alessio Giuffrida con i vertici provinciali delle forze dell’ordine e l’assessore Federico Gianassi ed il comandante della polizia municipale.
La foto denuncia apparsa su alcune Pagine Facebook come quella de Il Grillo Parlante Fiorentino e commentata dall'ex assessore Graziano Cioni sembra aver prodotto un effetto immediato.

“Il contrasto dei venditori abusivi c’è e ha funzionato – ha spiegato il prefetto – le misure messe in campo nel maggio scorso hanno dato efficaci risultati fino alla fine di agosto. Sono stati fatti anche ingenti sequestri di merce. Adesso il fenomeno si è ripresentato, in particolare di notte. Per questo abbiamo deciso di rimodulare la nostra strategia e di fare un ulteriore sforzo, distribuito tra tutte le forze di polizia”.

Il comitato ha rilevato che la ripresa dell’abusivismo commerciale, notata in questi ultimi giorni, è dovuta soprattutto al rientro a Firenze dalla costa dei venditori che hanno riorganizzato le loro attività illegali, soprattutto nelle ore notturne. Per questo motivo è stato ritenuto opportuno rafforzare la sorveglianza in tali orari.
Il centro cittadino continuerà ad essere presidiato di giorno con il dispositivo interforze attuale, a cui si affiancherà il nuovo potenziamento notturno.

Pattuglie miste di Polizia, Carabinieri e Vigili urbani con il concorso di Guardia di Finanza e del Corpo Forestale dello Stato saranno disposte nei punti più sensibili, sia in forma fissa che dinamica.
In una prossima riunione in questura sarà deciso nel dettaglio come verranno svolte le nuove misure che saranno applicate, in una prima fase, fino alla metà di ottobre.

“Ringrazio la Questura, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e il Corpo Forestale dello Stato che, insieme alla Polizia Municipale, hanno concordato di rafforzare ulteriormente il presidio in centro – ha dichiarato Gianassi - intensificandolo anche in orario, per tutelare il decoro e la legalità della città, offesi nei giorni scorsi dalla presenza di venditori abusivi in strada e vicino ai nostri monumenti. Questa decisione arriva dopo gli interventi e le azioni già predisposti nei mesi estivi che si sono concretizzati nella presenza di pattuglie e nel presidio quotidiano con un forte contenimento e un forte contrasto all’azione degli abusivi in città, soprattutto in alcune zone come gli Uffizi e l’Accademia. Ma di fronte alle criticità che sono emerse negli ultimi giorni – ha concluso l’assessore - la forte e determinata ulteriore azione di contrasto in orario notturno decisa questa mattina rappresenta uno strumento indispensabile e utilissimo per contrastare un odioso fenomeno che non siamo disposti a tollerare”.

Nelle ultime ore l'ex assessore Graziano Cioni, citato tra i commenti di alcune Pagine Social dedicate al monitoraggio del degrado come Il Grillo Parlante Fiorentino, puntava il dito su una immagine-denuncia commentando: "Non lo possiamo permettere. Questa è latitanza da parte di chi ha il dovere di tutelare Firenze quale patrimonio dell'umanità. Prefetto, Questore e Sindaco non indugiate oltre, il centro è pieno di abusivi, di spacciatori che agiscono indisturbati. Sono ritornati i pacchi-umani che vengono lasciati in ginocchio sui marciapiedi con la scatolina per le elemosine e ripresi la sera da queste bande di criminali che li sfruttano".

Lo Sceriffo nel replicare ad altri commenti ricordava la sua personale ricetta applicata negli anni passati: "Pattuglioni misti, reparti antidegrado, uomini e donne motivate, una programmazione coordinata degli interveni.. sempre con alla testa la Polizia Municipale che non si è mai tirata indietro".

Una ricetta che non sembra così diversa poi dalla strategia adottata oggi dal Comitato per la sicurezza pubblica.

In vista c'è sempre il settimo sciopero della Polizia Municipale di Firenze. Dopo le mobilitazioni del 5 giugno, 19 giugno, 3 luglio, 17 luglio, 31 luglio e 4 settembre, confermata l'agitazione anche per domenica 25 settembre 2016

Redazione Nove da Firenze