giovedì 02 ottobre 2014

Offrivano online prestazioni sessuali

Individuati ed oscurati centinaia di siti creati per ogni città italiana. Il giro d’affari è stato quantificato dagli investigatori in milioni di euro, con quasi 5.000 inserzioniste al mese che incassavano tra i 100 e i 150 euro per ogni prestazione.

L’attivitá di un’organizzazione che operava su internet offrendo servizi sessuali a pagamento in tutte le province italiane è stata interrotta dalla Squadra mobile di Trieste in collaborazione con i Carabinieri del Comando provinciale della stessa cittadina friulana.
La banda operava attraverso un sito che offriva agli utenti la possibilità di accedere alle offerte di prestazioni sessuali in tutte le province italiane.
La sede della società si trovava nel ferrarese ed è stata perquisita dalle forze dell’ordine, che hanno effettuato anche il sequestro degli uffici e dei server di Milano utilizzati per l’attività dei siti internet gestiti dal titolare, un quarantenne italiano. Oltre al sito principale, sono stati individuati ed oscurati centinaia di siti creati per ogni città italiana, collegati a quello principale, con la denominazione della città interessata.
Il giro d’affari è stato quantificato dagli investigatori in milioni di euro, con quasi 5.000 inserzioniste al mese che incassavano tra i 100 e i 150 euro per ogni prestazione.
La struttura criminale era molto complessa e prevedeva 42 persone tra contabili, centralinisti, esperti informatici e procacciatori, tutti denunciati in stato di libertá.

Redazione Nove da Firenze