Nuovi Uffizi: ''Renzi ripropone la pensilina Isozaki?''


"Il sindaco Renzi ripropone il progetto dell’architetto Isozaki. Ci attiveremo per fermare lo scempio del centro".
E’ quanto annunciano il consigliere Francesco Torselli e il consigliere al Quartiere 3 Paolo Poli.
"Durante la prima giornata di ricevimento dei cittadini – hanno aggiunto – il sindaco ha riproposto il progetto Isozaki per l'uscita degli Uffizi in piazza del Grano che già negli anni scorsi abbiamo osteggiato e combattuto col supporto di moltissimi cittadini di Firenze. L’architetto giapponese vorrebbe realizzare una pensilina in acciaio, rivestita in pietra, per coprire interamente l'uscita del museo su Piazza del Grano. Una scelta che, se attuata, rovinerà in maniera permanente quella porzione di centro storico tra gli Uffizi e Palazzo Vecchio. Già nel 2001, quando il progetto venne approvato, nacque il comitato 'A Firenze chi ha cattivo gusto è un genio', comitato che raccolse l'adesione di centinaia e centinaia di cittadini".
"Il 21 Ottobre 2004 – ricorda Poli - fui ricevuto a Roma, come responsabile del comitato dall'allora sottosegretario ai beni culturali, onorevole Bono, il quale, visti i progetti, mi garantì che avrebbe impedito la realizzazione di un simile scempio in pieno centro di Firenze. E se fino ad oggi questo scempio era stato evitato, adesso Renzi lo fa tornare improvvisamente di attualità".
"E' impensabile – secondo Torselli - che nel pieno centro di Firenze si istalli una struttura in acciaio, moderna, che cozza irrimediabilmente con lo stile di tutto ciò che gli sta attorno - hanno rilevato i due esponenti del Pdl – ma soprattutto ci troviamo in una situazione assurda: i vincoli paesaggistici negano il permesso ai cittadini anche di aprire un lucernario sul tetto della propria abitazione, o di modificare il colore delle tegole tuttavia si permette la realizzazione di un simile ‘mostro’ che, tra l'altro, andrebbe perfino ad oscurare lo storico 'finestrone' della settecentesca biblioteca che affaccia su piazza del Grano".
"I soldi dei fiorentini devono essere spesi per motivi più seri e urgenti – hanno concluso Torselli e Poli - auspichiamo che anche il sindaco Renzi si renda conto dei danni che causerà realizzare il progetto di Isozaki. Altrimenti, oggi come nel 2001 e nel 2004, siamo pronti a protestare nuovamente per bloccare questo scempio". (fn)

Redazione Nove da Firenze