lunedì 20 ottobre 2014

Coluccio Salutati e l’invenzione dell’Umanesimo

Firenze, 27 ottobre 2008- “Coluccio Salutati e l’invenzione dell’Umanesimo” è il titolo del convegno internazionale che avrà inizio mercoledì 29 ottobre, alle ore 11.00 nell’Aula Magna dell’Università di Firenze (Piazza S. Marco, 4), proseguirà giovedì 30 dalle ore 9,30 alla facoltà di Lettere (Sala Comparetti, Piazza Brunelleschi, 4), per concludersi venerdì 31 ottobre nella Biblioteca Medicea Laurenziana (Piazza S.Lorenzo, 9) dove, alle ore 11.00, verrà inaugurata la mostra dallo stesso titolo che rimarrà aperta al pubblico dal 2 novembre 2008 al 30 gennaio 2009. Convegno e mostra costituiscono ad oggi il primo studio organico su Coluccio Salutati, Cancelliere della Repubblica fiorentina dal 1375 al 1406, personaggio centrale nella cultura fiorentina dell'ultimo quarto del Trecento e 'inventore' dell'Umanesimo. Con le due manifestazioni il Comitato nazionale per le celebrazioni del VI centenario della morte di Coluccio Salutati ha inteso colmare una lacuna negli studi su questa figura, alla quale non è stata mai dedicata finora alcuna iniziativa di spessore internazionale. Convegno, mostra e relativo catalogo documentano il Salutati intellettuale, umanista ed autore e illustrano tutti gli studi più recenti sul personaggio. Per la prima volta nella mostra è presentata una rassegna completa delle opere composte da Salutati, comprese quelle di minore estensione e d’occasione, corredata da un’ampia bibliografia che va dagli inizi del Novecento agli studi più recenti. Viene ricostruita la biblioteca di Salutati e se ne evidenzia il carattere assolutamente eccezionale: sono presenti tutti gli autografi di Salutati ed esempi della scrittura di tutti i suoi principali copisti. L’attenzione dei curatori della mostra, Teresa De Robertis, Giuliano Tanturli, Stefano Zamponi, docenti dell’Università di Firenze, si è rivolta soprattutto «a costruire strumenti aggiornati per future ricerche». Al contempo, la curatrice del convegno, Concetta Bianca, ordinario di Letteratura umanistica dell’Ateneo fiorentino, osserva che «il catalogo si presenta oggi come punto fermo per gli studi successivi; da esso e dalle ricerche dei singoli relatori del convegno emerge un legame del Salutati con la cultura in volgare più di quanto egli stesso non volesse far credere, con la conseguenza che il progetto di una classicità latina e greca propugnato dallo stesso Salutati svela in pieno il suo carattere fortemente ideologico e politico». La mostra espone più di 60 manoscritti provenienti oltre che dalla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze e da altre biblioteche e archivi in Toscana (Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale; Firenze, Biblioteca Riccardiana; Pistoia, Biblioteca Forteguerriana e Archivio di Stato) anche da altre biblioteche italiane (Cesena, Biblioteca Malatestiana) e straniere quali la Universitat Bibliothek di Basilea, la British Library di Londra, la All Souls College Library e la Bodleian Library di Oxford, la Bibliothèque nationale de France di Parigi e la Biblioteca Apostolica Vaticana. Il percorso si articola in quattro sezioni - Vita e relazioni di Salutati, Opere di Salutati, Biblioteca e Officina libraria di Salutati – e comprende oltre ai manoscritti esposti, suggestioni visive affidate a installazioni video e sezioni esplicative multimediali e interattive in italiano e in inglese. La mostra sarà inaugurata, presso la Laurenziana, da Maurizio Fallace, Direttore Generale per i Beni Librari, gli Istituti Culturali ed il Diritto d'Autore, da Massimo Miglio, Presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni del VI centenario della morte di Coluccio Salutati, e da Fernando Lombardi, dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.
Al convegno, dopo i saluti di Alfredo Corpaci, Osvaldo Avallone, Massimo Miglio, sono previsti gli interventi di Concetta Bianca, Sebastiano Gentile, David Speranzi, Violetta De Angelis, Giovanni Fiesoli, Rudy Abardo, Giuliano Tanturli, Gabriella Albanese, Luca Boschetto, Ezio Ornato, Carla Maria Monti, Armando Nuzzo, Elisabetta Guerrieri, James Hankins, Marc Laureys, Emilio Giazzi, Cécile Caby, Alessandro Guidotti, Teresa De Robertis, Stefano Zamponi. In occasione del Convegno, inoltre, verrà presentato Il Censimento delle lettere pubbliche, a cura di Armando Nuzzo (Roma 2008); saranno disponibili gli atti del Seminario “Novità su Coluccio Salutati. Seminario a 600 anni dalla morte”, svoltosi presso il Dipartimento di Studi sul Medioevo e il Rinascimento.

Redazione Nove da Firenze