lunedì 24 novembre 2014

New Italian Cinema Events: il nuovo cinema italiano sbarca in America

Francesca Archibugi e Francesca Comencini sono le ospiti d’eccezione della nuova edizione del New Italian Cinema Events festival.
Giunto ormai alla 17° edizione, la manifestazione organizzata in collaborazione con il Tribeca Film Festival e il San Francisco Film Society e diretta da Viviana Del Bianco, è nata con l’obiettivo di diffondere il nostro cinema in America.
Sette i registi selezionati che presenteranno direttamente al pubblico di New York e di San Francisco i propri lungometraggi, affiancati da una selezione di cortometraggi curata dalla giornalista Anna Di Martino.
“Uno su due” di Eugenio Cappuccio e “Italian Dream” di Sandro Baldoni, “Il giorno più bello” di Massimo Cappelli, sono solo alcuni dei film in gara che, come tutti gli altri candidati, raccontano attraverso generi e punti di vista nuovi drammi e storie dell’Italia di oggi.
Quest’anno inoltre N.I.C.E. offre un tributo alla regista Francesca Comencini.
“Ogni edizione di N.I.C.E.- ha dichiarato Grazia Santini, direttrice esecutiva del festival- si apre con un tributo ad un regista già affermato, che quest’anno sarà Francesca Comencini. Di questa artista saranno presentati ben tre film: “Mi piace lavorare (Mobbing)” con protagonista Nicoletta Braschi,” Le parole di mio padre” e “A casa nostra” con Valeria Golino”. Sarà presente inoltre Francesca Archibugi, gradito ritorno per il pubblico americano che in passato ha già apprezzato un suo tributo, che chiuderà il festival presentando il suo ultimo lavoro: “Lezioni di Volo”.
Novità di questa edizione è la presentazione fuori concorso di due cortometraggi realizzati da due autori siciliani, “Fedra” di Salvo Bitonti e “Red Line” di Francesco Cannavà vincitore del” Premio Taormina-N.I.C.E. per il miglior cortometraggio siciliano”. Il miglior lungometraggio e il miglior cortometraggio saranno premiati dal “Premio N.I.C.E. città di Firenze” e, il 14 Dicembre, i vincitori saranno riconosciuti anche nel capoluogo toscano durante la tradizionale serata dedicata alla manifestazione.
Carlotta Ghelardi

Redazione Nove da Firenze