Contributi ai Consorzi Turistici ai sensi della L.R. 28/97


Con il decreto 51 del 09/02/2007 APET ha emanato il bando pubblico per l’annualità 2007 inerente il sostegno alle attività di promozione dell’offerta turistica dei Consorzi ai sensi dell’ ex art. 10 l.r. 28/1997.
Sono considerati ammissibili al finanziamento i progetti presentati e realizzati da consorzi o società consortili costituiti fra imprese operanti nel settore del turismo, anche partecipati da enti locali o soggetti pubblici, aventi come obiettivo la promozione e la commercializzazione di offerta turistico-ricettiva di aree turistiche.

I consorzi sopracitati devono avere le seguenti caratteristiche:
a) prevedere nel proprio statuto l’assenza di scopo di lucro nonché il divieto di distribuzione degli utili, anche in caso di scioglimento;
b) essere titolare di Agenzia di viaggio di cui al Titolo II, Capo V della L.R. n. 42/2000; oppure tra i soci del consorzio deve figurare almeno una Agenzia di viaggio che porrà in essere per conto del consorzio le azioni di commercializzazione;
c) avere almeno 10 associati, con sede in Toscana, che esercitano una delle attività turistiche previste dalla L.R. 23 marzo 2000, n. 42 “Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo”, Titolo II, o essere imprese che gestiscono le strutture complementari al turismo individuate nella deliberazione della Giunta regionale n. 349 del 2.4.2001 “L.R. 35/2000-PRSE 2001-2005. Azione 1.3 “Aiuti agli investimenti delle imprese operanti nel settore turistico. Individuazione e definizione imprese”;
d) avere la propria sede operativa in Toscana ed essere composte da PMI (Raccomandazione della Commissione del 6/5/03 - 2003/361/CE- , recepita dal D.M. del 18.04.2005, pubblicata sulla G.U. n. 238 del 12 .10.2005)
e) Alla data di presentazione della domanda devono essere già costituiti, iscritti alla CC.I.AA. di competenza e risultare attivi e non devono essere in stato di liquidazione volontaria o sottoposti a procedure di tipo concorsuale.
Inoltre la progettazione di azioni di commercializzazione di pacchetti turistici costituisce attività diretta del Consorzio.

Azioni ammissibili:
1) Introduzione dell’innovazione tecnologica, con particolare riferimento all’informatica e alla telematica
2) Forniture di servizi di prenotazione e teleprenotazione di posti-letto e di altri servizi turistici offerti alle imprese
3) Realizzazione di campagne di informazione, partecipazione a fiere e workshop di settore, costituzione di banche dati e apposite reti di informazione e servizi, predisposizione materiale informativo
4) Pubbliche relazioni rivolte a giornalisti e tour operator e realizzazione in Toscana di educational mirati.

Spese ammissibili:
Acquisto di software, progettazione di software e di reti networking; Acquisizione di consulenze per il settore d’intervento nella misura massima del 20% dell’investimento (escluse quelle inerenti alla partecipazione alle manifestazioni fieristiche); Ospitalità e rimborsi spese per tour operator specializzati, opinion leader e giornalisti del settore partecipanti alle iniziative espressamente previste dal programma di attività; Affitti, noleggi, canoni, acquisto di servizi (materiale espositivo, allestimenti e interpretariato), spese di viaggio e soggiorno per il rappresentante legale o suo delegato per la partecipazione o l’organizzazione di manifestazioni mirate su mercati esteri e nell’ambito di fiere e mostre internazionali realizzate anche in Italia. Spese per la realizzazione di materiale illustrativo per attività di informazione riferite esclusivamente agli interventi di promo-commercializzazione previsti dal progetto (sono escluse le spese riferite ad attività dei singoli soci del consorzio); Campagne promo-pubblicitarie ( progettazione e diffusione attraverso i media); Spese strettamente connesse alla gestione del progetto nella misura massima del 10%. Costi per il personale strettamente connessi alla realizzazione del progetto nella misura massima del 20%. Dotazioni e spese di investimento strettamente connesse alle iniziative promozionali previste dal progetto nella misura massima del 15%. E’ fissato un limite minimo di 50.000,00 euro e massimo di 250.000,00 euro di investimento
Beneficio: 50% della spesa totale prevista e dichiarata ammissibile. Scadenza: 23 aprile 2007

Redazione Nove da Firenze