A Danzainfiera presentato il Festival Danza in Arte di Pietrasanta

Dap Festival a Danza in Fiera, l’arte in movimento a Pietrasanta


Il Dap Festival, il Festival Internazionale della Danza e delle Arti Visive, si è presentato a Danza in Fiera, la più importante vetrina nazionale del settore che si chiude domenica 26 febbraio alla Fortezza Da Basso di Firenze.
E’ stato il Sindaco di Pietrasanta, Massimo Mallegni insieme al Direttore Artistico del Festival, Adria Ferrali e al Presidente della Fondazione Versiliana, Piero Di Lorenzo, a fare gli onori di casa nella press area di Danza in Fiera dove è stato lanciato di fronte ai media specializzati e agli appassionati, il nuovo e rivoluzionario format che trasformerà la Piccola Atene nella capitale mondiale della danza e di tutte le arti visive, dalla scultura alla fotografia attraverso il coinvolgimento di coreografi professionisti e di importanti partner, masterclass di ballerini, concorsi, spettacoli itineranti, performance ed eventi. Pietrasanta, con il suo rinnovato Teatro Comunale, la celebre “Versiliana” ed i luoghi d’arte, dal centro storico alla Marina, diventerà, per due settimane lo spazio naturale dove saranno chiamati ad esprimersi coreografi, danzatori, scultori, musicisti ed artisti provenienti da ogni continente (info su www.dapfestival.it e social).

Durante la XII edizione di Danzainfiera in corso alla Fortezza da Basso di Firenze il sindaco di Pietrasanta è intervenuto per la presentazione del DAP Festival delle arti e della danza che andrà in scena questa estate in Versilia. "Rappresento una città che ha più di 750 anni di tradizione nell'ambito del marmo e del bronzo che da anni si sposano con la musica classica ed ora arriva la danza che ha bisogno di un sostegno anche istituzionale. Offriremo al territorio qualcosa di eccezionale e ne sono entusiasta pur non essendo esperto di danza. Tuffarsi nel mondo del ballo con Carla Fracci in giuria è qualcosa di straordinario. Tengo in particolar modo alle master class ovvero esperienze di studio in cui i giovani talenti potranno toccare con mano i grandi maestri e concorrere così ad ottenere borse di studio utilissime per chi voglia crescere nella disciplina" ha spiegato Mallegni.

Ha poi aggiunto "Oggi viviamo in un Paese dove agli enti locali sono state diminuite dell'85% le possibilità di intervento in ambito culturale. Dobbiamo porci questo problema e dobbiamo tornare ad investire in cultura, è questo il nostro sviluppo ed occorre partire dalle giovani leve delle arti in generale. La nostra tradizione nazionale parte da qui: da una economia che tocca il territorio, l'arte, il turismo e dunque porta sviluppo. Non poterci investire è una pugnalata alla schiena al nostro sviluppo. Oggi il Sistema della Cultura rappresenta il 20% del Pil. Con il sacrificio di un piccolo Comune come il nostro, ma con l'aiuto della Regione Toscana e delle Fondazioni bancarie possiamo contribuire dal basso a ragionare di questo settore in modo costruttivo".

"Siamo la nazione della monocultura sportiva - ha detto Mallegni - dove tutti si occupano di calcio e tutte le risorse vanno a finire lì. Non sono particolarmente tifoso, ma ritengo che i tre quarti del mondo dello sport girino attorno al mondo degli sport definiti "minori". Tutto gira attorno agli Euro. Dobbiamo tornare ad accendere il faro su tutti gli sport dando loro nuova linfa e la scuola non può limitarsi alle scarpe con i tacchetti e ai campi da calcio, ma deve investire in un sistema culturale in cui la danza rientra pienamente".

Le richieste per l’audizione di Sebastian Kloborg del Royal Danish Ballet ha registrato il tutto esaurito. Assegnate le prime tre borse di studio per accedere all’Interntional College del Dap Festival in programma dal 18 luglio al 1 luglio a Pietrasanta. Già centinaia le richieste di informazioni collezionate appena nell’arco di un weekend.
 Promosso dal Comune di Pietrasanta e Fondazione Versiliana con il patrocinio della Regione Toscana, Roayl Danish Plus e Troy University (Aladama) per la direzione artistica di Adria Ferrali e le associate di New York Susan Kikuchi e Cassey Kivinick, alla presentazione ufficiale nel Padiglione Spadolini c’erano tutti i protagonisti.

Accolto con grande curiosità e con accostamenti lusinghieri, il Festival porta all’esasperazione il concetto di contaminazione urbana, caratteristica che ha fatto di Pietrasanta un polo culturale a livello mondiale. “Lo spessore ed il respiro del Festival – ha spiegato Mallegni – è internazionale perché questa è la sua connotazione spaziale. I 750 anni di storia della nostra città incontrano le arti visive più moderne: la scultura, anima di Pietrasanta, dialogherà con la danza, la musica, la fotografia. Sarà uno spettacolo incredibile e di gran richiamo non solo per i cultori della danza ma per turisti e residenti. I giovani ballerini potranno lavorare con importanti coreografi. La formazione è la base della cultura e Pietrasanta continuerà ad investire in cultura anche in futuro. Lo faremo con il Dap Festival, una novità assoluta nel panorama mondiale, e lo faremo con il Museo Mitoraj che inaugureremo tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018. Pietrasanta si dimostra, anche in questa occasione, una realtà in controtendenza rispetto al panorama nazionale. Siamo la città che traina la cultura in Toscana”.

La programmazione dell’ultima giornata di Danzainfiera 2017 prevede spettacoli entusiasmanti e lezioni imperdibili con docenti di fama mondiale, ma ci sarà anche spazio per la riflessione.

Il coreografo Luciano Cannito presenterà la raccolta firme in favore della petizione al Presidente Mattarella per la riapertura dei Corpi di Ballo degli Enti Lirici.
Più tardi, Marcello Sacchetta, Virginia Tomarchio e i protagonisti di Maggie & Bianca Fashion Friends incontreranno fan e giornalisti per raccontarsi e rispondere alle loro curiosità.

Alle 12 l’incontro con Luciano Cannito, affermato coreografo e regista italiano, il primo a rispondere al grido d’aiuto dei Corpi di Ballo degli Enti Lirici sposando l’idea di una raccolta firme - lanciata dalla rivista Dance&Culture - per una petizione in favore della loro riapertura, firmando una lettera destinata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Cannito discuterà con il pubblico e i giornalisti presenti a Danzainfiera del futuro dei Corpi di Ballo nelle Fondazioni Lirico Sinfoniche italiane per sensibilizzare l'opinione pubblica contro la chiusura del Balletto nei grandi teatri italiani. Conduce l’incontro Monica Ratti editore di Dance&Culture.

Alle 12:30, al piano Attico del Padiglione Spadolini, Marcello Sacchetta terrà due stage di Urban Contemporary uno stile, che ha spiegato lui stesso "frutto del mio background, delle tante collaborazioni artistiche, delle diverse esperienze maturate”.
Ha danzato accanto a numerosi artisti di fama mondiale, come Justin Bieber, e lavorato in programmi televisivi e spettacoli diretto da grandi coreografi come Giuliano Peparini. Oggi vive l’esperienza da professionista nel cast di Amici di Maria de Filippi dove sta mettendo a frutto anche le sue doti di presentatore accanto all’amico e collega Stefano de Martino.

Marcello Sacchetta incontrerà anche il pubblico e i fan alle 14.30, in un appuntamento in area press-incontri moderato da Giulia Toselli , di iodanzo.com.

Alle 15 Virginia Tomarchio e Amilcar Gonzalez incontrano i fan presso lo stand Non posso Ho Danza (Stand C 5/7).

Incontro speciale
alle 16 in area press-incontri con i MoodBoards, la band dell’accademia più fashion di Milano, composta da Maggie, Bianca, Quinn, Jaques ed Eduard. I protagonisti di Maggie & Bianca Fashion Friends , la serie tv più amata dai ragazzi in onda su Rai Gulp, incontreranno i fan per raccontare la loro esperienza di giovani star della tv. A condurre Giulia Toselli - iodanzo.com

Domenica sarà anche la giornata dedicata a concorsi e contest: alle ore 9:00 al Padiglione Cavaniglia si terrà l’ 8° Trofeo Danzainfiera Choreographic Team a cura di AiMB - Associazione Italiana Maestri di Ballo. A partire dalle 9:45in area Street, la competizione dedicata allo stile di ballo giamaicano con Dancehall Contest.

Continua il concorso internazionale di danza “Expression”: la giornata di domenica sarà dedicata a classico, neocalssico, modern, jazz e contemporaneo. Per chi ama l’ironia e la sensualità, alle 15:45 presso il Padiglione La Ronda ci sarà il Burlesque Contest.
Spazio anche alle gare per i più piccoli con Kidz Hip Hop Hurrah! Contest di Hip Hop e Free style dedicato ai "minuscoli" della cultura urbana.

Per questa XII edizione, Danzainfiera ha inaugurato il progetto Atelier Italia: un’area espositiva dedicata alle sartorie made in italy che confezionano abiti di scena e, grazie alla loro abilità e qualità sartoriale, danno vita a prodotti unici. Una selezione di abiti preziosi che sono delle vere e proprie opere d’arte.

Le aziende hanno a disposizione 13.000mq in cui i brand più amati dai ballerini espongono o fanno sfilare in passerella gli outfit da sala e tempo libero, acquistabili nella zona shopping.

La Baby Dance Area, al Piano Attico del Padiglione Spadolini, lavora a pieno ritmo con una programmazione di lezioni e attività per bimbi da 0 a 10 anni.
Per le ballerine in miniatura: lezioni ispirate al film Ballerina- a cura della Dance Perfomance di Firenze - in cui danzare sulle note della colonna sonora, uno speciale corner in cui scattarsi una foto ricordo calati nelle atmosfere del film. Il romanzo del film Ballerina è disponibile allo stand Gremese (Piano Terra A 2).

Allo stand Rainbow (Piano Attico P 11), tutto il giorno laboratori e attività ispirate a Maggie & Bianca Fashion Friends; ci sarà anche uno speciale muro dove i fan potranno lasciare il proprio “graffito” dedicato a Maggie & Bianca; i libri della serie sono in vendita sempre allo stand Gremese.

Redazione Nove da Firenze